Gilardino: “Ho avuto sensazioni molto positive. Guberti? Se ti alleni bene vengono fuori queste prestazioni”

Il tecnico del Siena Alberto Gilardino ha parlato al termine della sfida vinta contro il Cannara. Di seguito le sue dichiarazioni:

Sensazioni – “Per tutta la partita ho avuto sensazioni molto positive. Abbiamo alzato il ritmo sin dai primi minuti, e creato tantissime occasioni. Dobbiamo essere più lucidi e concreti quando possiamo fare gol. Dopo un mese che non giocavamo c’era curiosità di vedere la condizione fisica, ma è andata bene”.

Partita – “Abbiamo cercato di lavorare anche a livello mentale per quanto riguarda l’approccio alla gara, poi siamo stati bravi a recuperare palloni e a giocare con lucidità”.

Difesa – “Ha lavorato molto bene, tutti hanno messo grande sacrificio, anche i centrocampisti, che hanno giocato veloce e a due tocchi. E abbiamo lavorato bene anche davanti con Guberti e Mignani”.

Schemi – “Sono tutte cose su cui lavoriamo. Abbiamo fatto gol su palla inattiva, siamo felici perché i ragazzi stanno acquisendo queste abilità. Ma abbiamo poco tempo per festeggiare, il difficile è riconfermarsi dopo una prestazione così importante”.

Guberti – “Nella sfortuna di esserci fermati, lui ha avuto la fortuna di allenarsi ogni giorno, non ha mancato un allenamento. Se poi ti alleni bene come ha fatto lui, la domenica escono fuori questo tipo di prestazioni”.

Centrocampo – “Beppe D’Iglio è un giocatore importante, che dà equilibrio. Insieme ad Agnello e Sare sono stati tutti molto concreti sul recupero delle seconde palle, e bravi ed aggredire sul possesso palla”.

Condizione fisica – “Sta venendo fuori il lavoro di questo mese da parte di tutti, sia il lavoro a secco del prof Bencardino, sia quello nostro sul campo. Ci aspettano tre partite in una settimana, dovremo fare attente valutazioni”.

Mignani – “È giovane, lui soffre meno rispetto ad altri la tenuta fisica, quando fa una partita di corsa e sacrificio come oggi è ancora più importante. Sapevo che sarebbe stato fondamentale per la squadra”.

Pavlak – “Si allena con la squadra da un po’ di tempo, deve ancora capire questo tipo di calcio ed entrare al meglio nei meccanismi. Piano piano penso che potrà avere il suo spazio”.

De Falco – “Lo vedo regista o da mezz’ala con D’Iglio in mezzo, ma anche il contrario. Sono dei giocatori talmente intelligenti che possono anche coesistere. Nel reparto c’è concorrenza, tutti i giocatori hanno qualità e forza”.

Gavorrano – “Mi ricordo bene l’andata, è stata una delle squadre ad averci messo più in difficoltà”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol