Gilardino: “Domenica abbiamo speso tantissimo. Stiamo lavorando per acquisire un’identità forte”

In vista della trasferta di Scandicci, mister Alberto Gilardino ha parlato nella consueta conferenza stampa di presentazione dell’incontro. Di seguito le sue parole:

Lavoro – “La squadra aveva lavorato bene settimana scorsa ma aveva speso tantissimo, sia a livello fisico che mentale. C’erano giocatori che non giocavano da mesi o da addirittura anni. Ad inizio settimana abbiamo impostato alcuni carichi diluiti per recuperare le forze. Oggi valuterò qualche giocatore che ha avuto degli acciacchi”.

Energie – “La realtà è che è prima di domenica ci siamo allenati solo sedici giorni, per cui non si sbaglia a dire che siamo ancora un cantiere aperto. Ci stiamo allenando per acquisire una mentalità, il nostro percorso è stato diverso rispetto alle squadre che sono partite un mese prima di noi. Dovremo essere bravi a gestire le energie durante l’anno”.

Ai box – “Bedetti ha avuto un’influenza e non ci sarà, ma a giorni tornerà a disposizione. Agnello e Terigi sono ancora alle prese con problemi muscolari”.

Cambiamenti – “Dal punto di vista tattico non dovrebbe cambiare molto. In ogni caso a me quello che interessa è l’atteggiamento che la squadra dovrà avere in campo. E dovremo farci trovare pronti anche a cambiare in corsa se necessario”.

Identità – “Sappiamo che tutte le squadre che affronteremo vorranno fare bella figura. Ogni giorno non perdo occasione per ricordare la storia di questo club ai ragazzi. Dovremo acquisire al più presto un’identità forte, il nostro atteggiamento non dovrà mai venir meno”.

Scandicci – “Arriva da una sconfitta, ma ho detto ai ragazzi che non bisogna illudersi. Loro sono una squadra molto forte nelle seconde palle, sono bravi a ripartire e hanno grande determinazione. Ci aspetterà una battaglia, l’approccio dovrà essere necessariamente quello giusto”.

Porte aperte – “Ci auguriamo una bella presenza di pubblico, spero ci possano seguire in tanti a Scandicci. Secondo me la riapertura è stata giusta, gli stadi sono all’aria aperta e se si rispettano distanziamento e spazi ci sono le condizioni per giocare a porte aperte. Comunque è già un successo che siano tornate le persone allo stadio”.

Mercato – “Intanto oggi abbiamo accolto Ilari, che può fare sia il terzino che il quinto. Al momento stiamo lavorando per fare ancora uno o due innesti, ad ogni modo credo che questa squadra possa già schierarsi con vari sistemi di gioco”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol