Gilardino: “Cerco di trasmettere il senso di appartenenza. Classifica? La guardo dopo dieci giornate”

Alberto Gilardino, tecnico del Siena, è intervenuto alla trasmissione 'Minuto per minuto' su RadioSienaTv parlando del secondo rinvio che ha coinvolto la sua squadra e non solo. Di seguito le sue parole:

Flaminia – "Dopo la vittoria di Scandicci ovviamente c'era grande voglia di ritornare subito in campo. Ma anche stavolta abbiamo preso il rinvio in modo positivo, facendo allenamento e lavorando su alcuni particolari su cui migliorarsi. Avevamo qualche giocatore non al top, da una certa parte siamo stati avvantaggiati. Adesso abbiamo davanti una settimana dove concentrarsi al meglio per arrivare pronti a domenica prossima".

Serie D – "Calarsi in questa realtà velocemente è fondamentale. Noi abbiamo avuto la difficoltà di una preparazione fatta ad hoc per arrivare ad avere i giocatori nella migliore condizione possibile per l'inizio del campionato. Ad oggi non siamo al 100%, ma possiamo raggiungerlo giocando e allenandoci al massimo. Io ho trovato un gruppo di giocatori disponibile, la voglia e l'entusiasmo non mancano e quelli sono gli aspetti a cui tengo di più".

Giovani – "Intanto loro sono determinanti per quelle che sono le regole di questo campionato. Sanno benissimo quanto pesi la maglia del Siena, ma in campo la maglia non deve pesare. Loro devono pensare esclusivamente a migliorare sul campo".

Occhi puntati – "Se sui giornali viene scritto che perde Gilardino non mi interessa, queste sono le regole del gioco quando uno prende in considerazione di voler fare l'allenatore. A me questi aspetti non interessano perché amo allenare. Non mi interessa la categoria, mi interessa fare bene per la città, i tifosi e la squadra, quello che cerco di fare al campo è trasmettere il senso di appartenenza. Vincere sarà difficile, il girone è tosto. Dobbiamo adattarci il più velocemente possibile, io però sono fiducioso".

Colonnese – "Conosco molto bene Ciccio, sarei molto felice se venisse a trovarci al campo, sarebbe bello soprattutto per i ragazzi. Quello che ha detto è vero, Siena ti dà tanto sotto tanti punti di vista, uno deve essere bravo a gestire certi momenti. E' da lì che passa la crescita per allenatore e giocatori".

Classifica – "Adesso non la guardo. Tra una decina di giornate magari sì, ma dopo le prime 4-5 partite sono abituato a non guardarla. Sappiamo che ci sono squadre molto attrezzate, ma dobbiamo pensare a noi".

Mahmudov – "Abbiamo trovato l'intesa, ci auguriamo di concretizzarlo a breve".

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol