Gilardino: “Capire i programmi è la base di tutto, Siena deve avere le persone migliori”

Il tecnico del Siena Alberto Gilardino ha parlato in conferenza stampa in vista dell’incontro di domani contro il Montevarchi. Ecco le sue parole:

Trastevere – “A sprazzi abbiamo fatto un’ottima partita. Abbiamo avuto qualche amnesia di troppo, la squadra ha tenuto botta pur andando sotto di un gol. La squadra in questo momento c’è”.

Montevarchi – “Sarà un bel test, è sempre bello giocare queste partite. Deve diventare una giornata importante come è successo in parte a Trastevere. Il Montevarchi è la squadra più forte a livello esplosivo e con maggiore dinamismo. Prestazione e atteggiamento positivo vuol dire risultato, se hai queste due componenti puoi battagliare contro tutti”.

Assenze – “Abbiamo Guidone e Haruna squalificati, poi saranno assenti gli infortunati Carminati, Sare e Pavlak. A livello numerico siamo in difficoltà, ma sono convinto che i ragazzi ricalcheranno la prestazione fatta a Trastevere”.

Formazione – “Confido molto in Luca Orlando, secondo me non ha fatto vedere in pieno il suo potenziale. Domani giocheranno anche D’Iglio e Schiavon, giocatori che servono alla squadra. Bani è rientrato da due giorni e lo valuterò. Io penso che quest’anno questa squadra abbia dato tutto. E’ normale che nel calcio si debba sempre fare meglio, ma io credo che la squadra ha raggiunto il massimo. Comunque ci proveremo anche in queste ultime partite, sono convinto che domani faremo la partita”.

Stagione – “Questo è stato un anno veramente anomalo sotto tanti punti di vista, e non è per cercare alibi. Mi auguro con tutto il cuore che il prossimo anno si possa fare una stagione lineare, spero si possa ritrovare l’entusiasmo nella partita di calcio. Stare tre volte fermi per Covid non è facile, mentalmente devi sempre tenere tutti sul pezzo. Sicuramente è stata un’annata molto costruttiva per tutti”.

Futuro – “E’ normale che in queste ultime partite si possa capire chi può far parte della squadra anche l’anno prossimo. Sento parlare, leggo anche io. Al momento i componenti sono questi, quando sarà il momento di programmare il futuro sarò molto disponibile. Capire i programmi futuri è la base di tutto. Ero arrivato a Siena con degli input ben precisi e delle basi ben precise. Se io dovessi rimanere qui ci devono essere tutte le componenti per lavorare nel modo migliore, la squadra deve essere competitiva. Non che questa non lo sia stata: la squadra di quest’anno va solo ringraziata, ha dato tutto. Parlare di futuro è prematuro perché mancano ancora tante partite, ma certamente nell’arco di una settimana sapremo di più”.

Perinetti – “Lo conosco, mi voleva portare a Venezia gli ultimi anni. E’ una persona di grande esperienza, ma io non so se arriverà lui, se firmerà. Io mi auguro solo che il Siena e i suoi tifosi abbiano le persone migliori per ritornare ad ai livelli che la piazza merita”.

Playoff – “Bisogna provare ad entrarci, le prossime partite ci daranno delle risposte”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol