Giampaolo ottimista “A Siena faremo bene”

E’ un Giampaolo ottimista quello che si presenta in conferenza stampa alla vigilia del suo ritorno a Siena

"Durante la settimana ho visto la giusta alchimia nello spogliatoio e in campo ma il Siena è una squadra che si conosce da tempo, molti giocatori rappresentano la storia del Siena, Vegassola, Calaiò, Del Grosso sono lo zoccolo duro sul quale si sono innestati giocatori di qualità come D'Agostino, Gazzi e Mannini", l'analisi di Giampaolo, che però ha grande fiducia nella sua squadra nonostante l'assenza per squalifica di Mutu.
"La differenza ora tra noi e loro sta nella classifica, anche noi sul piano delle prestazioni siamo migliorati – avverte – Siamo partiti con un'idea di gioco diversa, l'idea era tenere Mutu prima punta con gli esterni d'attacco come Ghezzal, Martinez ed Eder. Facendo giocare Bogdani cambia il modo di giocare, ma la squadra aveva bisogno di assestarsi, credo che da almeno tre settimane ci sia stato uno scatto sia in partita che in allenamento. Domani sono sicuro che faremo un'ottima gara".

L’ex allenatore bianconero ha un ricordo in chiaroscuro della sua esperienza senese
“Ho lavorato bene un anno: ci siamo salvati con un mese d'anticipo e ho contribuito alla valorizzazione di giocatori come Zuniga, Kharja, Rossettini e altri. A fine stagione, volevo andare via perché non c'erano più le condizioni tecniche e ambientali per restare. Fui costretto a restare, ma venni presto esonerato. E tutto sommato fu un giusto esonero”.

Fonte: Fedelissimo online