GIAMPAOLO: ARRIVERANNO TRE GIOCATORI

Il panettone può essere indigesto per tanti motivi. Quello di Giampaolo non andrà giù per il “furto con scasso” di Griselli, e non solo, ai danni della sua Robur. Continua a non aver parole il mister, sia per il “furto”, il fuorigioco non visto, che per lo “scasso”, la squalifica di Curci. Di tutto questo Giampaolo ha parlato ai microfoni della trasmissione di Canale Tre Toscana “La storia del Siena” condotta da Gigi Rossetti.
Contattato per telefono, il mister ha parlato della situazione del Siena a tutto tondo. Alla domanda sul tema del giorno, tanto scontata quanto inevitabile, Giampaolo ha detto: “Sono ancora amareggiato, non riesco a mandar giù quanto successo sabato al Siena. Si tratta di un’arroganza di potere.” E il concetto dell’arroganza di potere torna prepotente nel pensiero sulla squalifica di Curci: “La squalifica di Curci non la concepisco, è un coltello nella piaga che proprio non accetto, è inutile pensare di lottare per qualcosa quando c’è quest’arroganza di potere”.
Giampaolo ha parlato poi di mercato e del fuuro della sua squadra: “prenderemo tre giocatori, uno per reparto, che siano progettuali alla nostra squadra. Andranno via sei o sette giocatori che andranno a giocare. Così sfoltiremo la rosa di tre elementi, dato che abbiamo fin dall’inizio avuto difficoltà per la rosa troppo ampia. I nuovi arrivi non saranno di livello superiore ai giocatori che ci sono già, ma faranno in modo di farci affrontare un campionato lungo ed estenuante”.
Fonte: sienanews.it