GEROLIN ‘CI RINFORZEREMO IN DIFESA’

Manuel Gerolin, direttore sportivo del Siena, è l’uomo che portò ad Udine il primo obiettivo difensivo della Fiorentina per la campagna di rafforzamento di gennaio, ovvero il brasiliano Felipe. ‘Nei miei giri in Sudamerica ero alla ricerca di elementi anche fra quei ragazzi che sono senza squadra, e Felipe aveva già 15 anni: buon fisico, buon lancio, tanto che aveva un apprendimento quando mi misi a giocare accanto a lui – ha raccontato Gerolin a Radio Toscana -. Lui viveva in un paesino fra San Paolo e Rio de Janeiro, a suo tempo non apparteneva ad una squadra ma aspettava solo la grande occasione. Il primo tecnico a valorizzarlo fu Spalletti, che colse nel ragazzo grandissime doti, come sostituto di un signore come Sensini’.

 

‘Ha una visione di gioco splendida, ha grande tempo, fisico, penso sia il prototipo del difensore moderno e adesso non gioca perché credo ci siano dei contrasti con il tecnico, ma può succedere – ha aggiunto l’uomo che si occupa del mercato nella Robur -. E’ giovane, un ’84, ma ha già disputato oltre cento gare in serie A. Su palla inattiva ha pericolosità negli inserimenti, secondo me è un ragazzo di assoluto valore. Con il suo acquisto la Fiorentina farebbe un grandissimo colpo: sarà dura strapparlo all’Udinese, società che non fa sconti, ma questo è il momento giusto’.

 

Ma Gerolin parla anche dell’interesse del Siena per Jorgensen. ‘Non vorrei che con il mio passato all’Udinese si legassi il mio club a ex giocatori friuliani – ha concluso Gerolin – Noi stiamo benino sia a centrocampo che in attacco, però dobbiamo rinforzarci nel reparto arretrato. Natali? E’ un giocatore di primissimo piano, come Kroldrup, ma non dobbiamo sbagliare nel mercato di gennaio. Questi giocatori sono fuori dai nostri parametri di mercato’. (Luca Cellini)

Fonte: Calciomercato.com