Genoa-Siena: Le pagelle del Fedelissimo

Brkic E’ tornato il portierone che conoscevamo, l’infortunio è un brutto ricordo. Una sola uscita un po’ avventata, per il resto tanta sicurezza. 7

Vitiello Non incide molto in avanti ma dietro svolge il suo compito quasi alla perfezione. 7

Terzi Non è stato facile per il duo Palacio- Gilardino, Terzi e Rossettini li hanno annullati facendoli sembrare due esordienti impauriti. Ormai è una sicurezza. 7,5

Rossettini Se in Nazionale il c.t. Prandelli ha chiamato Astori e Ranocchia è vergognoso che Rossettini sia rimasto fuori. Poco ci importa, a noi basta che giochi alla grande con l amagli bianconera. Anche oggi è stato impeccabile, non ha sbagliato praticamente nulla. 8

Del Grosso Bella gara anche per il terzino bianconero, impreziosita dall’assist per il secondo goal, ma macchiata un po’ da duello nervoso con Marco Rossi. 7

Grossi La terza rete è molto merito suo. Corre e salta gli avversari, peccato non usi il destro più spesso. 7

Giorgi Solo un infortunio lo ha potuto fermare. L’esterno bianconero oggi era imprendibile. La sua partita, arricchita da una splendida rete, è da incorniciare. 7,5

Gazzi Non concede nulla e questo ormai non fa più notizia. Lotta come un leone. 7

Vergassola Verrebbe voglia di lasciare uno spazio bianco dove ognuno può scrivere quello che vuole, noi abbiamo esaurito gli aggettivi per il nostro capitano. La sua personalità lo porta ad essere sempre più l’emanazione di Sannino in campo. 7

Brienza Non finiremo mai di ringraziare la Reggina per averci quasi regalato Brienza. Con la sua seconda giovinezza sta conducendo il Siena ad una salvezza record. Oggi è tornato nel suo vecchio ruolo e si è visto, due reti e tanta personalità. Il migliore 9

Destro Le sue fughe in avanti fanno venire i brividi agli smarriti difensori genoani. Fa da sponda e cerca di pungere, insomma ormai è una certezza. Dimenticavamo…realizza anche una rete, ma questo ormai è la regola. 7,5

Bogdani, Mannini e Sestu n.g.

MI PIACE Tutto: carattere forte, tranquillità anche nei momenti e nelle situazioni più difficili, fuori e dentro al campo, ma anche umiltà e tanta tecnica, insomma il Siena “operaio” di Sannino ci piace da matti. Il mister ha cambiato ancora, tornando all’antico 4-4-2 ma qualche sorpresa l’ha voluta comunque tirar fuori dal cilindro, quel Brienza in avanti, vero e propria mossa da scacco matto. Ricordiamoci di non mollare fino all’ultimo.

NON MI PIACE ????

Antonio Gigli 

 

Fonte: Fedelissimo online