Genoa-Livorno: scelta inopportuna affidarla a un arbitro senese

 

Siena 26 punti al diciannovesimo posto, Livorno 25 punti all’ultimo posto: entrambe sono rispettivamente a sei e sette punti dall’Udinese al quartultimo posto in zona salvezza. Perché ho ricordato la situazione della lotta per non retrocedere in serie B? Semplice: perché sabato prossimo si gioca Genoa-Livorno. E chi arbitrerà questa importante partita anche per il Grifone, impegnato nella rincorsa europea? Matteo Trefoloni di Siena. Una scelta molto discutibile e opinabile quella svolta dal designatore Pierluigi Collina, vista l’importanza vitale della posta in palio per le due squadre toscane. Ciò per due ordini di motivi. Il primo riguarda le possibili rimostranze a fine partita del presidente amaranto Aldo Spinelli e dell’allenatore Serse Cosmi che potrebbero lamentare degli eventuali episodi a sfavore della propria squadra: a ciò seguirebbe l’inevitabile strascico di polemiche. Il secondo è il probabile imbarazzo di Trefoloni nel dirigere la gara di Marassi: anche un direttore di grande professionalità come lui non potrebbe non provare questa sensazione sgradevole.

Intendiamoci: in questa sede non si vuole sottintendere per nessun motivo che ci siano in corso combine, aggiustamenti, “biscotti”, “torte” o scorrettezze di qualsiasi genere. Ma la scelta di un arbitro senese per Genoa-Livorno sembra proprio inopportuna e infelice. Caro Collina non sarebbe meglio ripensarci e mandare un altro direttore di gara?  (Marco Liguori)

www.pianetagenoa1893.net