Gazzetta: Il Padova va avanti e poi deve rincorrere Siena preso su rigore

MARCATORI autorete di Lamanna (S) al 22’, Pulzetti (S) al 44’ p.t.; Paolucci (S) al 39’, Musacci (P) su rigore al 41’ s.t. 
PADOVA (4-3-1-2): Mazzoni 7; Celjak 5,5, Benedetti 5,5, Carini 6, Modesto 6; Cuffa 5,5, Iori 6,5 (dal 25’ p.t. Musacci 6), Osuji 6,5; Radrezza 5,5 (dal 10’ s.t. Pasquato 6); Rocchi 6,5, Feczesin 5 (dal 29’ s.t. Melchiorri 6). PANCHINA Colombi, Laczko, Perna, Ampuero, Ciano, Vantaggiato. ALLENATORE Mutti 6. 
SIENA (3-4-3): Lamanna 7; Matheu 5,5, Dellafiore 5,5, Feddal 5,5; Angelo 5,5, Pulzetti 7 (dal 49’ s.t. Schiavone s.v.), Giacomazzi 5, Valiani 6; Rosina 6, Paolucci 6,5 (dal 43’ s.t. Milos s.v.), Rosseti 6 (dal 27’ s.t. Bedinelli s.v.). PANCHINA Farelli, Grillo, Crescenzi, Spinazzola, Camilli, Cappelluzzo. ALLENATORE Beretta 6. 
ARBITRO Merchiori di Ferrara 6. 
GUARDALINEE Del Giovane 6 – Marinelli 6. 
ESPULSI Giacomazzi (S) per gioco scorretto al 41’ s.t. 
AMMONITI Dellafiore (S), Cuffa (P), Angelo (S), Valiani (S) e Musacci (P) per gioco scorretto; Mazzoni (P) per comportamento non regolamentare. 
NOTE paganti 1.957, incasso di 11.077,30 euro; abbonati 4.045, quota n.c. Tiri in porta 8 (con un palo)-9. Tiri fuori 8-8. In fuorigioco 1-1. Angoli 7-6. Recuperi: p.t. 4’, s.t. 5’. 
CARLO DELLA MEA
PADOVA
Dura poco più di un paio di minuti l’illusione del Siena. È il tempo che passa dal gol di Paolucci al rigore segnato da Musacci. Come a ribadire che a Padova vige sempre la legge di Mutti, che ha ormai reso lo stadio di casa un fortino. Per il Padova è il quarto pareggio interno di fila, il quinto nelle ultime 7 partite: una politica dei piccoli passi che però sta cambiando poco la classifica. 

Riflettori su Rocchi Gara viva sin da subito, quella dell’Euganeo, con i riflettori accesi su Rocchi, all’esordio da titolare. Il primo sussulto di gara è proprio dell’ex Lazio, che al 7’ si fa murare in area piccola. Quattro minuti più tardi è Mazzoni a salvare su Rosseti ben innescato da Rosina. Il Padova passa al 22’ quando Iori calcia potente dai venticinque metri. Il pallone colpisce prima il palo, poi la schiena di Lamanna: l’autogol del portiere toscano vale l’1-0. Nemmeno il tempo di esultare che il regista s’infortuna: distorsione al ginocchio destro la prima diagnosi, in attesa degli esami dei prossimi giorni. Il Siena cambia marcia spingendo sulle fasce: non è un caso che il gol del pareggio nasca sulla destra. Precisa è quindi la conclusione di Pulzetti dal limite, ma lacunosa è la disposizione dei padroni di casa. 

Ripresa La ripresa è appassionante, con gli ospiti a premere sull’acceleratore: Mazzoni e compagni soffrono le fiammate di Rosina e Pulzetti. Al 39’, però, il centrocampista è il più bravo di tutti quando si libera in area per scodellare un cross che Paolucci finalizza in spaccata. Sembra fatta per i toscani, che cullano il sogno della terza vittoria consecutiva. Rocchi però, fino a quel momento comunque sufficiente, diventa decisivo due minuti più tardi, quando si fa atterrare in area da Giacomazzi. Per Merchiori è rosso e rigore, trasformato da Musacci. E in pieno recupero il Padova potrebbe anche vincere, ma Lamanna si supera su Pasquato, evitando così un controsorpasso che sarebbe stato troppo amaro. 

Fonte: La Gazzetta