Gazzetta il mercato della C

Sistemate due panchine in Toscana. Il Livorno oggi presenta Andrea Sottil, reduce da un’ottima stagione a Siracusa. Invece l’Arezzo punta sul debuttante Claudio Bellucci (l’ex attaccante era agli Allievi della Samp): in arrivo Yebli (Bari), Sorrentino (Samb) e Talarico (Varese), sondato anche Cutolo (Juve Stabia).
Padova molto attivo: presi Ravanelli (Sassuolo) e Tortori (Venezia), in arrivo Capello (Cagliari, era a Olbia) e Candido (Bassano). Alla Feralpi Salò vanno Emerson (Padova) e Marchi (Mantova). Il Monza prende il portiere Liverani (ex Paganese) e tratta Rondanini (Siena) e Pesenti (Pro Piacenza). Al Renate due ragazzi dell’Inter: Ungaro (Santarcangelo) e Di Gregorio. Gelli (Tuttocuoio) va all’AlbinoLeffe. Pro Piacenza a raffica: tornano Alessandro (Francavilla) e Barba (Pescara), arrivano Ricci (Parma), Cavagna (Prato), Belfasti (Juve, era a Carrara), La Vigna (Piacenza) e Gori (Bari). Bobb (Chievo, era a Padova) va alla Reggiana. Bizzi (Cagliari) va all’Olbia. Il Pisa prende Petkovic (Carpi) e punta Sabotic (Reggiana) e Bellemo (Spal, era al Fano). Il Siena vuole Kouko (Olbia). Alla Samb triennale per Bove (Juve) e Demofonti (Spezia), in arrivo Miceli (Viterbese) e Trillò (Rieti). Miori (Atalanta, era a Piacenza) vicino al Fano, Tagliani (Südtirol) alla Fermana. A Gubbio in arrivo Ferri (Messina), Fontanesi (Sassuolo), Paolelli (Viterbese), Paramatti (Santarcangelo) e Gabbianelli (Fano). La Juve Stabia prende Bachini (Tuttocuoio) e Costantini (Spal) e tratta Giraudo e Berardi (Torino). Celli (ex Latina) all’Andria che tratta Cazè (Akragas). Guadalupi (Fondi) torna al Bisceglie. Il Francavilla su Viola (Taranto). Gori (Benevento) verso Matera. Il Cosenza su Giorgione (AlbinoLeffe) e Tutino (Napoli, era a Carrara). Solerio (Avellino) alla Reggina, Torregrossa (Novara) alla Sicula Leonzio. Trapani vicino a Caccavallo (Venezia). Siracusa: ecco Mangiacasale (Melfi) e Liotti (Feralpi). Il Catania tenta il colpo Borghese (Livorno).
Floriano Noto è il nuovo presidente del Catanzaro: la famiglia Cosentino ha ceduto l’85% al suo gruppo. Si interrompe la trattativa per il Prato: la cordata dei fratelli Corradi fa un passo indietro, Paolo Toccafondi riprende il 95%.

Fonte: La Gazzetta dello Sport