Gazzetta: E’ Siena a due facce Vincente sul campo e in crisi la società

C’è un Siena che vince e un Siena che perde. Facce della stessa medaglia, una sorta di «tao» calcistico o, meglio, una tela di Penelope. Di giorno Beretta e la squadra costruiscono vittorie, punti e classifica; di notte la società viene penalizzata dalla Disciplinare. Sul campo il Siena ha conquistato i quarti di Coppa Italia buttando fuori tre di A: Livorno, Bologna e il Catania, oltre al Pisa. Giovedì prossimo se la vedrà con la Fiorentina, in un derby che ha già messo in fibrillazione i tifosi. In campionato, nonostante i sette punti di penalizzazione collezionati fin qui per inadempienze amministrative, la squadra bianconera è a un passo dai playoff. Con un attacco capace di segnare 46 reti in 25 gare ufficiali, la possibilità di giocarsi la Serie A è più che reale. 

Debiti E proprio il ritorno nella massima serie pare al momento essere l’unica salvezza. Zavorrata da un debito pregresso attorno ai 70 milioni di euro, accumulato anche nelle gestioni precedenti di De Luca e Lombardi Stronati, senza più il supporto del Monte dei Paschi di Siena, la società annaspa alle prese con i pagamenti degli stipendi, sebbene la scadenza di ieri sia stata rispettata e la gestione corrente sembri più equilibrata. Il disavanzo del passato pesa e il presidente Massimo Mezzaroma non nasconde le difficoltà, appellandosi alla riqualificazione dell’attuale stadio Franchi come «unica possibilità di salvare la società, indipendente dai risultati sportivi». Gli stessi che, però, al momento, stanno dando prospettiva. Il progetto di Mezzaroma prevederebbe uno stadio coperto, parcheggi e zone commerciali, ma secondo il sindaco Bruno Valentini (il Comune è proprietario dell’impianto) non c’è ancora niente di concreto. «Devo ricevere il progetto vero e proprio – ha detto il primo cittadino – e la fattibilità finanziaria, altrimenti non si muove un mattone». 

Mercato: arriva Plasmati Intanto sta per partire Giannetti: per lui (e per Rosina) ci sono sirene inglesi, ma sul talento bianconero è piombato il Genoa con una buona proposta. Per questo motivo ci si muove in entrata: ecco allora Plasmati dal Lanciano, 3 gol finora con il Lanciano in campionato. 

Fonte: La Gazzetta dello Sport