Galloppa: i troppi cambiamenti hanno condizionato la squadra

Era presente al Franchi nella gara contro il Gubbio e Daniele Galloppa, nella sua intervista a La Nazione, ha analizzato lucidamente la prestazione e il momento della sua ex squadra:

«I bianconeri hanno giocato un buon primo tempo, in campo c’è stato più Siena che Gubbio. Poi dopo il pareggio, arrivato a pochi secondi dalla ripresa, ho visto una squadra in difficoltà. Non dico che non abbia lottato, ma che abbia reagito in maniera confusionaria. La sensazione è che si sia disunita. In parte sono d’accordo con l’analisi di Padalino quando dice che ha subìto gli eventi. Perché? Difficile parlare da fuori. I tanti cambiamenti in corsa possono aver influito a livello fisico, ma io credo che sia sempre la testa a essere determinante. Anche perché, dopo appena un tempo, non puoi essere stanco». Martedi il Siena sarà a Modena, loro sono forti, strutturati, guidati da un tecnico di esperienza che la C l’ha già vinta. Hanno tutto per essere promossi anche se la lotta è ancora aperta. Ma i bianconeri hanno la possibilità di giocare liberi di testa, a 100 all’ora. E non credo siano spacciati, perché in rosa giocatori di categoria ci sono. Che qualcosa non giri nel modo giusto si vede, ma ritengo il Siena una buonissima squadra»

Fonte: FOL