Galli: “Il calcio è spietato, ma Siena è sempre una grande piazza”

Qualche anno fa è stato vicino ad acquisire la maggioranza del Siena con la cordata di cui era il rappresentante, ma alla fine l’amministrazione dell’epoca gli preferì Antonio Ponte. Per questo motivo le strade della Robur e di Giovanni Galli non si sono mai veramente incrociate. Il campione del mondo del 1982, intervistato durante la trasmissione ‘Minuto per minuto’ su RadioSienaTV per commemorare il compianto Paolo Rossi, ha anche commentato brevemente le recenti dinamiche che hanno portato al secondo fallimento della Robur. “Sono passati tanti anni ormai da quando avevamo provato ad entrare nel Siena. Alla fine era arrivata la proprietà della signora Durio che sembrava potesse dare una svolta. Il calcio purtroppo è spietato, magari sono stati anche commessi degli errori. Poi c’è stato anche l’inconveniente del Covid, che ha tolto a tutte le società molti introiti. Non le ho seguite bene le ultime vicende, ad ogni modo Siena è sempre stata ed è una grande piazza”. L’ex portiere si è anche soffermato brevemente sull’attualità: “Domenica scorsa ho visto anche il primo tempo della partita con il Grassina mentre ero a casa. Ho visto che il Siena alla fine ha perso, ma credo che Gilardino stia facendo un buon lavoro e che il Siena possa ambire ad essere tra le protagoniste a vincere il campionato”.

(J.F.)

Foto: milanlive.it
Fonte: Fol