FUNERALE GROSSETANO

La ROBUR vince in quel di GROSSETO la sua quinta partita di fila e si regala la testa solitaria della classifica grazie alla sconfitta interna dell’ATALANTA  assieme ad un bel +12 sul terzo posto.

Grande partita degli uomini di CONTE (VOTO 8 per la carica) che sovrastano un deludente GROSSETO (VOTO 5 per la clamorosa pericolosità) vincendo meritatamente un match che poteva anche finire con un punteggio tennistico se solo qualche giocatore bianconero non avesse deciso di non infierire più di tanto sul mal messo avversario.

Il primo tempo inizia con qualche sterile tentativo locale che non impensierisce più di tanto un attento COPPOLA (VOTO 6 per l’ordinaria amministrazione).

Il SIENA risponde e va in avanscoperta dalle parti di NARCISO (VOTO 6,5 per i tuffi) fino a quando decide di sfoggiare l’artiglieria pesante:  calcio di punizione dai trenta metri, DEL GROSSO (VOTO 8  per la magia) prende la mira e lascia partire una barbina orticante che trafigge l’esile rete maremmana facendo esplodere di gioia i 1500 tifosi SENESI ed il presidente MEZZAROMA (VOTO 7 per il portafortuna) presente anche lui in curva con i sostenitori GHIBELLINI.

Archiviato il primo tempo, il secondo si apre con una ROBUR di acciaio inox che non lascia un centimetro ai pur coriacei avversari.

La DIFESA (VOTO 9 per la durezza) è un muro invalicabile e il duo VERGASSOLAMARRONE (VOTO 7,5 per la compattezza) non lasciano nulla ai locali.

Il SIENA domina ed entra più volte nell’area di rigore maremmana ma per più di una volta non riesce ad essere cinico quanto dovrebbe e potrebbe.

Poi nulla di più: la ROBUR  amministra tranquillamente la partita e porta a casa tre stupendi punti.

Fischio finale: ammutoliscono i tifosi locali, sullo sfondo di una desolante GROSSETO riecheggia un solo grido, quello BIANCONERO.

Il FUNERALE è servito e, come previsto, nella BARA ci finiscono gli sgonfiati TORELLI.

Mancano ancora 8 punti a quota 80, quella che significa promozione, quella che passa dalla prossima partita in casa contro il PORTOGRUARO dove lo stadio dovrà essere gremito per sostenere fino in fondo gli undici BIANCONERI.   (Senio Losi)

Fonte: Fedelissimo Online