FRICK OBIETTIVO VITTORIA

Diciannove partite che valgono un campionato. Gli incontri che separano il Siena dalla fine della stagione dovranno essere affrontati uno alla volta, con la consapevolezza che non si può sbagliare. Mario Frick, “man of the match” della partita contro la Reggina, ha sottolineato nella conferenza stampa odierna il fatto che proprio ora inizia il vero campionato della Robur.
“Partire con una vittoria sarebbe importante.” – ha dichiarato l’attaccante del Liechtenstein – “Per noi adesso inizia il nostro girone, il nostro campionato vero e se iniziassimo con una vittoria sarebbe il massimo.”
Cosa pensi dell’Atalanta?
L’Atalanta ha fatto una partitona contro l’Inter, ha vinto con la capolista quindi è in formissima, ha un attacco molto pericoloso con Doni e Floccari, dobbiamo essere molto attenti.
Dove il Siena potrà inserirsi nel gioco dell’Atalanta per fargli male?
Noi cercheremo di fare la nostra partita come sempre, cercheremo di pressarli alto, magari fare gol subito e così dopo gestiamo per cercare di vincere questa partita.
Giampaolo ha detto che si augura di poter ripetere le prestazione dell’andata ed avere però più concretezza sotto porta. Sei d’accordo?
Sì sono d’accordo, abbiamo fatto pochissimi gol solo 14, solo il Chievo ha fatto peggio di noi e sicuramente possiamo migliorare, però nel girone d’andata abbiamo fatto il record punti e se ci possiamo migliorare è anche meglio.
A livello personale cosa ti aspetti?
Mi aspetto di fare ancora qualche gol, poi quando sono chiamato in causa voglio dare sempre il massimo.
Le voci di mercato danno fastidio nello spogliatoio o passano in secondo piano?
Questo fa parte del nostro lavoro, voi italiani parlate sempre di mercato anche quando non c’è. Ormai mi sono abituato, sto tranquillo e ho già detto dopo la partita con la Reggina che rimango qua.
Cosa manca secondo te in fase offensiva?
Da quando sono qua non c’è mai stato un vero bomber, tranne l’anno scorso che Maccarone fece 12 gol. Noi giochiamo così, pressiamo tantissimo davanti e magari siamo un po’ meno lucidi davanti alla porta, ma credo ci manchi anche qualche cosa sul piano della cattiveria quindi sicuramente possiamo migliorare, lo sappiamo, cerchiamo sempre di dare il massimo e speriamo di sbloccarci.
Fonte: sienanews.it