FORZA RAGAZZI UNITI CI SALVEREMO

Solo quattro partite ci separano dalla conclusione di questo quarto, tribolato, torneo di serie A della storia del Siena. La sconfitta di domenica scorsa ci ha scosso tutti, tifosi e società, la contestazione, però, è rimasta civile e corretta. Non ci sono state aggressioni verbali o fisiche come è accaduto in altri stadi italiani per risultati molto meno gravi. La maturità raggiunta dai tifosi del Siena è sotto gli occhi di tutti e, forse, meriterebbe ben altri risultati, ma questo è un altro discorso. Ora dobbiamo pensare solo a salvarci, mettendo da parte critiche più o meno accese verso questa o quella situazione, questo o quel giocatore, anche perché se c’è una certezza, in questo stranissimo campionato della Robur, è quella che giocatori e mister non hanno mai tirato indietro, ma hanno sempre dato il massimo che potevano, con tutte le difficoltà dovute anche ad infortuni ed errori arbitrali. Forse abbiamo sopravvalutato il valore dell’organico del Siena, grazie anche agli ottimi risultati del girone d’andata, ma oggi la situazione è questa e dobbiamo prenderne atto. Chiudiamo a chiave in un cassetto polemiche e critiche più o meno forti, e concentriamoci sui prossimi decisivi impegni, prima di fare processi, caso mai ce ne fosse bisogno, e speriamo che non sia così. Il futuro è ancora incerto, inutile pensare a colpevolizzare e processare, così come a programmare epurazioni o nuovi acquisti, sui quali sarebbe bello avere un bel silenzio stampa per garantire la massima tranquillità possibile a chi deve lavorare adesso per il Siena, anche se sappiamo che questo sarà impossibile. A partire da domani, giovedì, facciamo sentire alla squadra tutto il nostro calore magari andando allo stadio dove il Siena giocherà in amichevole, alle 15.00, prima di partire per Bergamo (a.g.).

Fonte: fedelissimi