Focus sull’avversario: il Lornano Badesse

Sarà la trasferta in assoluto più corta della storia della Robur in gare ufficiali, un primato che difficilmente potrà essere battuto nei prossimi anni. A Badesse, fino ad oggi, il Siena ci aveva giocato solo in amichevole, ma le rispettive evoluzioni hanno portato le due squadre a sfidarsi nel campionato di quarta serie per la prima volta.

Il Badesse (Lornano Badesse per esigenze di sponsor) è tornato in Serie D a distanza di dieci anni dall’ultima apparizione; allora la formazione biancoceleste portava la denominazione Monteriggioni (per volere del sindaco dell’epoca, fautore della modifica ad inizio millennio) sotto la quale aveva disputato entrambe le stagioni in quarta serie prima che il titolo sportivo fosse trasferito nella vicina Colle di Val d’Elsa nell’estate del 2011. A Badesse non sono però rimasti senza calcio: complice il desiderio di alcuni dirigenti della vecchia gestione, in modo particolare del compianto Daniele Berni (al quale è stato intitolato lo stadio), la nuova società riparte infatti dalla Terza Categoria, intraprendendo una nuova scalata che in poco tempo riporta il Badesse fino all’Eccellenza. Ad aver dato ulteriore spinta alle già grandi ambizioni della società biancoceleste è stato il coinvolgimento – a partire dalla stagione 2017/18 – all’interno della compagine societaria dell’avvocato Galileo Pozzoli, esperto di diritto energetico e di arbitrati internazionali nel settore petrolifero, vertice di uno dei più importanti studi legali americani con sede in Italia, nonché presidente del Consorzio Lornano Chianti Classico, appartenente alla sua famiglia da diverse generazioni.

In concomitanza con l’approdo in Serie D, la società ha deciso di fare un definitivo salto di qualità strutturandosi con figure professionali; oltre a Massimo Manganelli, che però ha già lasciato per motivi personali, ad aver sposato il progetto del Badesse è stato Simone Guerri. L’ex centrocampista della Robur, dopo aver chiuso la carriera da calciatore e avviato quella da dirigente in bianconero, si è spostato di pochi chilometri per la sua prima vera esperienza da direttore sportivo. Dove ha già avuto il suo bel da fare: nel post-partita seguente alla sconfitta casalinga contro il Trastevere, infatti, in concerto con i vertici del club ha deciso per l’allontanamento di Fabio Guarducci. Il rendimento della squadra nelle prime sei giornate sotto la gestione del trainer fiorentino è stato tutt’altro che soddisfacente, il che ha portato la società ad optare per l’avvicendamento. Al suo posto è stato scelto Vitaliano Bonuccelli; l’arrivo dell’ex tecnico del Gavorrano, che per la prima volta in carriera è subentrato a campionato in corso, ha permesso alla squadra di ritrovare compattezza (2 vittorie in 3 gare) ed affacciarsi a posizioni di classifica più consone alle aspirazioni della proprietà.

Con Bonuccelli la squadra è passata dal 4-3-3 al 3-4-2-1, sistema di riferimento del tecnico viareggino. La formazione senese può contare su tanta qualità ed esperienza, soprattutto davanti; recentemente, infatti, si sono aggregati al gruppo biancoceleste la punta Marzeglia (’86), già vista con Renate e Piacenza, e Rinaldini (’95), trequartista di grande qualità reduce da tanti anni con la maglia della Pianese, che insieme all’esterno offensivo Sorrentino (’97) completano un reparto molto pericoloso. Nei biancocelesti militano poi diversi giocatori transitati da Siena, molti dei quali nativi della città del Palio. Tra gli ex AC Siena meritano una menzione il centrale senese Manganelli (’93) e l’estremo difensore Conti (’96); ad aver giocato con la Robur Siena è stato invece Ghinassi (’87), oltre ai tanti ragazzi giovani come Bonechi (’01), Cecconi (’00), Nassi (’00), Corsi (’01) ed i più recenti Chiti e Discepolo (’02).

(Jacopo Fanetti)

Foto: Facebook Lornano Badesse Calcio
Fonte: Fol