FINALMENTE!

Che gran peso dallo stomaco ci siamo tolti! Una vittoria liberatoria, arrivata quando meno te lo aspetti e per questo ancora più godibile. Non è un’impresa, abbiamo solamente battuto la penultima della classe, ma la vittoria odierna dei ragazzi di Malesani ha ridato speranza a tutto un ambiente con il morale sotto i tacchi. È stata la vittoria di Malesani, un tecnico carico di esperienza che ha saputo ridare entusiasmo ad una squadra demotivata, applicando anche quel pizzico di follia tattica che ci vuole nei casi disperati. I cambi effettuati all’inizio della ripresa hanno sconvolto il volto della squadra e il 3 a 2 finale non può non essere in gran parte firmato con il suo nome.

La loro parte, però, l’hanno fatta anche i giocatori. Tanto abulici ed impauriti nella prima frazione, quanto aggressivi, vivi, insomma con gli attribuiti, nella seconda incredibile parte della gara. Dopo aver assistito al solito noioso e inconcludente primo tempo casalingo, i primi 16 minuti della ripresa sono stati da record. 4 reti in così pochi minuti, in un campionato come questo, rappresentano uno di quei ricordi difficili da cancellare.

Adesso, a mente fredda, torniamo con i piedi per terra e guardiamo il futuro. Niente è cambiato, il campionato è ancora lungo e i tre punti odierni sono stati solo il cartellino da timbrare, il minimo da fare per continuare a sperare in una salvezza che appare ancora un fatto miracoloso.

È indubbio, però, che adesso ci crediamo un po’ più di ieri.  (Antonio Gigli)

Fonte: Fedelissimo Online