ESCLUSIVA – Paolo Negro:”La Robur farà grandi cose. I tifosi sono l’arma in più”

Arriva sotto la Torre del Mangia nell’estate del 2005 dove ci resta sino al 2007. Paolo Negro,  nei suoi due anni con la maglia della Robur mette a segno reti importanti e decisive come quella contro la Lazio nei minuti finali, che consegnano al Siena la salvezza.

Che Robur sta nascendo sotto la guida di mister Morgia?

“In queste prime partite la squadra mi è piaciuta molto, considerando che è stata costruita in poco tempo e ciò non era semplice. La squadra migliorerà ancora, ma sicuramente la Robur ha qualcosa in più rispetto alle altre formazioni”

Ce la farà a centrare fin da subito la promozione in Lega Pro?

“Credo che il Siena abbia tutte le carte in regola per poter compiere il salto di categoria già da questa stagione”

Un’arma in più di questa stagione è l’immenso entusiasmo e il grande attaccamento dei tifosi bianconeri

“È qualcosa di fantastico, c’è un seguito straordinario nei confronti del Siena. Domenica contro la Colligiana sembrava una partita di un’altra categoria, c’erano migliaia di spettatori allo stadio e tutto questo è sicuramente un’arma in più: il cosiddetto dodicesimo uomo in campo. Ciò dà una grossa mano ai calciatori della Robur  e mette una certa soggezione a chi gioca contro”

3774 abbonati tra cui Paolo Negro

“Io devo tanto al Siena. Sono arrivato in un momento dove sembrava che nessuno mi volesse far più giocare, invece ci sono stati Paolo De Luca e Giorgio Perinetti che mi hanno dato subito fiducia. È stato immenso anche l’affetto della città di Siena e dei tifosi bianconeri, tanto che successivamente ho comprato anche casa”

Il tuo ricordo più bello con la maglia bianconera?

“Ho parecchi ricordi piacevoli che mi legano alla Robur: dal gol contro la Roma, al gol salvezza contro la Lazio, a quello che ho fatto nel pareggio in casa contro l’Udinese a pochi giorni dalla scomparsa del presidente De Luca”

Damiano Naldi

Fonte: Fedelissimo online