Esclusiva FOL: Antonelli: “Mi tengo stretto Beretta per il gran lavoro che sta facendo”

"Oggi abbiamo ritenuto opportuno puntualizzare alcuni argomenti con mister Beretta riguardo a quanto successo ieri sera e volendo mettere a tacere certe strumentalizzazioni che non fanno il bene del Siena".
Con il direttore Stefano Antonelli siamo ripartiti dalla conferenza di oggi per andare a parlare del tema arbitri che hanno nuovamente penalizzato un gran Siena.

"Non è la prima volta che certe decisioni arbitrali ci fanno arrabbiare e non poco. Ma quando è stato il momento, siamo sempre stati sempre attenti a sottolineare ogni atteggiamento arbitrale che non ci era piaciuto, facendolo con i criteri dell'educazione e facendoci sentire nelle sedi opportune".

Alzare i toni?
Queste cose non devono però diventare un alibi, noi dovremmo ripartire dalla grande prestazione di ieri sera, guardando avanti e pensando al prossimo impegno. Allo stesso tempo, ripeto, che quando uno ha le proprie ragioni le deve percorrere. Noi lo abbiamo fatto quest'anno e nello scorso campionato, anche se lamentarsi troppo non sempre porta un contributo particolare. Purtroppo però quest'anno siamo stati costretti a dover spesso rimarcare e puntualizzare certe ingiustizie arbitrali, anche perché siamo la squadra con il miglior attacco, che solitamente fa la gare e che crea azioni eppure non abbiamo avuto nessun rigore a favore. Ed in virtù di questo, con la giusta educazione e con una dialettica mai lesiva, ci siamo fatti sentire per tutelare la nostra immagine il nostro campionato".

Beretta ieri sera a fine gara si è fatto sentire.
"Con la conferenza di oggi volevamo chiudere anche questo argomento. Ma voglio sottolineare questo gesto del mister: ha capito di essere andato sopra le righe e ha voluto chiedere scusa. E chiedere scusa lo reputo un sintomo di intelligenza e di dimostrazione di spessore umano. Con le sue dichiarazioni, non voleva ledere nessuno, quanto esternare la sua rabbia, la sua adrenalina dopo una sconfitta in un campionato che sente particolarmente a cuore.

Purtroppo, tornando alla sconfitta con il Palermo, nella gara degli ex, il risultato ha favorito i rosanero. Tornavano in tanti, da Bolzoni a Terzi a Verre, Troianiello e mister Iachini. Noi abbiamo fatto una gran gara ma non è bastato. Guardando proprio la grandi ieri dico che Iachini e un allenatore che stimo, ma mi tengo stretto il nostro Beretta perché anche se è poco che lavoriamo insieme lo reputo un allenatore di grandissimo livello

Parlava di Beretta
Se vediamo questo gran Siena, tanti meriti sono suoi. Beretta è stato un mio preciso volere e ho voluto riportarlo a Siena. Sta facendo, come detto più volte, un lavoro straordinario che comprende più cose: l'amore per la città, l'immedesimarsi nelle difficoltà societarie e la passione nel fare il suo lavoro. Questi tre elementi fanno si che stia facendo benissimo. E pensando al futuro, spero davvero che quello che sta facendo, con i ragazzi che stanno lavorando duramente, possa riuscire a portarci alla conquista di un risultato importante. Perché il mister, così come tutto il gruppo, lo meriterebbe fortemente.

Fonte: Fedelissimo Online