Ermini: “La squadra si merita tantissimo calore. Vorrei vedere più gente sulle tribune”

«Questa squadra ha bisogno di tanto tanto calore. Beretta e i suoi ragazzi, per quello che stanno facendo, non si meritano uno spettacolo desolante e irriguardoso come quello visto al Franchi per l'ultima partita». Massimiliano Ermini, dei Fedelissimi, nei prossimi mesi vorrebbe vedere lo stadio più pieno quando gioca la Robur. «II mister e i bianconeri si meritano molto di più». E' anche dal sostegno dei tifosi che passa il risultato sportivo ed è dal risultato sportivo che passa la salvezza del Siena. «Sento parlare di tante cose – spiega Ermini -, dallo stadio all'arrivo di soci investitori. Ma quest'anno più che mai, la vera carta che ha in mano la società per guardare al futuro con ottimismo è la conquista della serie A: il campo e la sopravvivenza del club sono legati a doppio filo». Una promozione che, per il bianconero, deve però arrivare «sotto traccia». «Dobbiamo andare avanti con calma – afferma -, senza farci prendere dalla frenesia. Ai play off dobbiamo arrivarci sereni. Anche da ottavi, ma basta arrivarci. Una volta conquistati quelli i problemi sono per gli altri. Personalmente sono cautamente fiducioso: la squadra in questi mesi ha lavorato bene e deve continuare per la strada intrapresa, lontano dai riflettori e all'insegna della tranquillità». Ermini, da sempre sostenitore della Robur, dall'ottobre del 2009 fino al termine dello scorso campionato, ha vestito anche i panni dell'ospite fisso alla trasmissione 'Quelli che… il Calcio', come rappresentante della tifoseria bianconera. Una collaborazione cominciata nella sede dei Fedelissimi, quando le porte del club si aprirono a Suor Paola e alle telecamere della Rai. «Eh sì – dice Ermini -, mi sono visto tutte le vittorie e le sconfitte del Siena dagli schermi di Corso Sempione 27 a Milano…». Uno sguardo anche al calciomercato, appena iniziato. «Credo che siano due le operazioni da compiere – chiude Ermini -: da una parte se qualche cessione deve essere fatta, che porti denaro fresco alle casse della società. Dall'altra, se alla rosa servono un difensore e un attaccante, che siano davvero acquisti che possano fare la differenza». (Angela Gorellini)

Fonte: La Nazione