E domenica c’è il Genoa di Gino Sestini

E domenica c'è il Genoa ,bella gatta da pelare per più motivi, il Genoa è una squadra  formata da ottimi giocatori e da qualche grosso campione  e chiaramente era stata costruita  per stare subito dietro  le top del del campionato, ma come sempre si predica nel  calcio, ci vuole i soldi, ma bisogna avere chi li sa spendere prendendo giocatori adatti alla necessità tecnica, ci vuole un allenatore che sappia amalgamare il tutto insomma è vero  che il Genoa è in crisi, ma con i giocatori che si ritrova  potrebbe essere sicuramente  capace di  importanti  colpi di coda, battere  battere qualsiasi squadra , ma la mia preoccupazione  per la partita di Genova, non è solo il fattore tecnico tattico o la forza del Genoa , ma che si ripeta per l'ennesima volta che il Siena  va in campo e deve lottare non contro undici giocatori come prassi e regola vorrebbe, ma bensì contro tredici e allora diventa veramente molto complicato per non dire impossibile  perché bisogna ricordarsi  che il giocattolaio fa parte del circolo dei magnifici e cercheranno con tutti i mezzi  anche non leciti per tenerli in serie A pensare male non  è bello, ma aimè  spesso ci si azzecca, basta ricordare cosa ha  fatto  il sig Romeo  mercoledì, non solo ha creato le condizioni per farci perdere con l'Inter  ma ci ha creato disagi (o perlomeno lo ha pensato ) anche per la partita dopo ,sentendo le lamentele di Pegolo  per il regalino fatto all'Inter da trenta metri di distanza in una stadio esultante per la vittoria, quindi tutte  queste considerazioni per dire una sola cosa  ai ragazzi  che scenderanno in  campo a Marassi: tirare fuori gli attributi, determinazione, grinta  e cattiveria agonistica  perché loro saranno in tredici, ma come si dice a Siena  a batterli ci sarà più gusto perché quando " CASCANO FANNO IL TONFO PIU' GROSSO  "
Gino Sestini