Durio: Dai tre punti con l’Albissola alla fideiussione riavuta, questa sera posso respirare

Durante il Christmas Business Network, il terzo appuntamento di Natale dell’ufficio marketing della Robur tenuto quest’anno al ChigianArtCafè, ha parlato una rilassata e loquace Anna Durio. “Stasera posso respirare – spiega la presidente bianconera – è andata bene la partita e sono risollevata perché sono riuscita a fare tutti i pagamenti in tempo. I soldi dell’iscrizione alla B erano bloccati ma li ho recuperati, anche grazie all’aiuto di ChiantiBanca”.

Un’ottima notizia. Quei 1,9 milioni erano stati trattenuti, senza alcun titolo, per quasi cinque mesi. Non ci sono i presupposti per un risarcimento?

È tutto in mano agli avvocati, stiamo facendo i passi dovuti e spero di riuscire a recuperare qualcosa, perché il danno che ci han fatto è notevole. Abbiamo resistito, siamo qua e mi dispiace non essere in B. Meritavamo di esserci e di fatto c’eravamo. Non vedo l’ora che finisca il 2018 per quello che è successo, ma per come è stato il campionato mi sento di aver portato il Siena in B. Poi non me l’hanno permesso. Più a Catania che con i ripescaggi. Catania mi è rimasta qua… però stiamo lottando, speriamo di rifarci quest’anno. Per quello che è successo sta andando bene, siamo umani e gli errori ci sono ma sono soddisfatta.

Mignani, dopo l’Albissola, ha evidenziato la negatività dell’ambiente.

Tengo a precisare che i malumori c’erano già al quarto minuto dopo alcuni retropassaggi. Ma la partita dura 90 minuti. Io ringrazio sempre i tifosi, fanno parte di noi, senza di loro la squadra non avrebbe senso di esistere, però abbiamo bisogno del supporto nei momenti difficoltà. Se tu non canti più, stai zitto e mi insulti, peggiori la cosa. Come se fossimo un bambino, se sbaglia non lo massacri ma lo inciti. Poi ognuno la pensa come vuole, io continuo sulla mia strada. Ripeto, per soddisfazione personale in B ci sono andata, poi sono intervenute forze maggiori. Contro i poteri forti non ce l’ho fatta.

Siamo sotto Natale. Cosa si sente di dire Anna Durio?

Faccio un augurio a tutti quelli che ci danno una mano, lavorano per noi, ci supportano e ci seguono, come quei disgraziati, in senso buono, che sono venuti in Sardegna. Faccio gli auguri a tutti, spero che l’anno che viene sia migliore. Noi ce la mettiamo tutta per farvi passare delle belle feste, visto che giochiamo il 22, il 26 e il 30 dicembre.

(Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL
Foto: robursiena.it