DOPO L’ARBITRO CONDIZIONATO (più o meno tutti) E’ ARRIVATO QUELLO VENDICATIVO (ci mancava)

 

Le dichiarazioni sull’arbitro Valeri, rilasciate al nostro sito dal presidente Lombardi Stronati, sono state riprese da tantissime testate giornalistiche nazionali.

La denuncia di Stronati è molto grave e non può passare inosservata, soprattutto ai vertici arbitrali.

Lo diciamo sinceramente: abbiamo avuto molti dubbi sull’opportunità di pubblicarla o meno e, se lo abbiamo fatto, è stato solo per tenere fede al nostro principio che tutto ciò che riguarda la Robur, direttamente o indirettamente, troverà sempre spazio sulle nostre pagine.

La denuncia, lo ripetiamo, è molto grave e potrebbe innescare una serie di reazioni, in un senso o nell’altro.

Se quanto affermato da Stronati non fosse suffragato dai fatti, c’è da aspettarsi un deferimento da un momento all’altro.

Se viceversa venisse dimostrata la veridicità delle parole del presidente, la prima cosa che dovrebbe fare Collina sarebbe quella di mandare a casa, definitivamente, il comunque pessimo arbitro Valeri.

Noi conoscendo la serietà dei giocatori e dei dirigenti che li seguono passo dopo passo, crediamo che le affermazioni di Stronati corrispondano al reale svolgimento dei fatti, ma siamo altrettanto convinti che questa verità non verrà mai dimostrata.

Certo è che per le piccole società come il Siena la vita non è propriamente facile. Oltre alle fisiologiche difficoltà derivanti dalla propria dimensione, deve combattere anche contro quelle che derivano dal piccolo – per non dire nullo – peso specifico: sudditanza psicologica, arbitri ancora immaturi che vengono mandati ad imparare nelle partite delle cosiddette piccole, arbitri che mai impareranno perché non idonei e per finire arbitri vendicativi. E’ dura, così è dura davvero. (nn)

Fonte: Fedelissimo Online