D’Iglio: «Vesto la maglia di una piazza prestigiosa, di una città bellissima, il Siena non è una squadra come le altre».

Giocatore importante in una squadra che cerca di recuperare posizioni in classifica. Dalla sua prima apparizione in maglia bianconera, Giuseppe D’Iglio ha dimostrato tutto il suo valore, in una categoria che gli va più che stretta. Ne parla con Angela Gorellini su La Nazione in edicola oggi.

«Vesto la maglia di una piazza prestigiosa, di una città bellissima, il Siena non è una squadra come le altre. Sono contento del percorso che ho fatto in carriera. Forse quando mi è passato accanto qualche treno importante ho pagato l’aspetto caratteriale, non ho inciso quando c’era da incidere. E, a ogni salto di categoria, ho subìto probabilmente a livello fisico. Ma ripeto, non ho rimpianti».

Tante squadre e poi il Siena…

«Ho avuto la fortuna di trovare un grande gruppo e conoscevo già Bani e Carminati. Non c’è stato bisogno dei preliminari di ingresso, insomma. Merito dei compagni».

Il Siena sta attraversando un buon momento….

«La vittoria sul Grassina è stata importante, ha dato continuità ai risultati e conferme alla squadra. Nel secondo tempo abbiamo giocato con più piglio: sì, io sono entrato subito in partita, ma anche grazie a chi era già in campo. Siamo in tanti e tutti fondamentali: un’arma in più da qui alla fine. L’aggancio ai play off? Ne siamo contenti, ma dobbiamo andare avanti di giornata in giornata».

Ad iniziare con la Sangiovannese che arriva domenica….

«Hanno appena un punto in meno, stanno attraversando un buon momento e arriveranno qua con grande entusiasmo: affrontarci dà a tutti grandi motivazioni. Ma noi siamo il Siena».

Fonte: FOL