D’Iglio: “Una piazza come Siena deve puntare sempre al massimo”

Giuseppe D’Iglio, centrocampista del Siena, ha parlato a RadioSienaTv nel corso della trasmissione Minuto per minuto. Di seguito le sue parole:

Stop – “Durante la sosta le nazionali le guardo con interesse. Ho giocato anche contro Verratti, un giocatore al quale mi ispiro molto per qualità tecniche e fisiche”.

Ambiente – “Mi sto trovando molto bene con tutti, staff, società e compagni. L’impatto con Siena è stato bellissimo, e sta andando avanti in modo positivo con il passare dei giorni. Ci aspetta un finale di stagione importante”.

Obiettivi – “Dobbiamo pensare una partita alla volta, cercando di fare il massimo in queste 13 partite restanti. Una piazza come Siena deve puntare sempre al massimo, sicuramente proveremo a scalare posizioni e arrivare dentro ai playoff”.

Gilardino – “Avevo sentito cosa era successo nel messe di dicembre, poi sono arrivato grazie alla chiamata sua e del direttore. Il mister è una persona molto umile, preparata, cerca di mantenere gli equilibri giusti sia dentro che fuori dal campo, dando consigli utili sia ai giovani che i vecchi”.

Girone – “Mi piace molto, lo stesso Scandicci che è in fondo alla classifica ci ha dato filo da torcere. Sono tutte squadre ben organizzate, che nella pressione sanno indirizzare le nostre giocate. Ma se noi facciamo girare bene palla secondo me abbiamo le qualità per trovare pertugi. Io da centrocampista devo cercare di giocare con meno tocchi possibili per far viaggiare palla e creare spazi”.

Futuro – “Ho accettato di scendere in D perché sapevo che in questa categoria Siena non c’entra niente. E questa scelta la rifarei altre mille volte. Da qui alla fine dell’anno possono accadere tante cose, potrei fare male e la società potrebbe dirmi che non rientro nei loro piani. Adesso bisogna pensare ad andare forte, poi a fine anno si vedrà. Però da parte mia c’è la voglia di fare bene in una piazza così importante”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol