Tosoni Auto

News

17/11/19 20:03 | Dal Canto: "Avevamo l'obbligo di chiuderla prima. La squadra è pronta per tornare al modulo di partenza"

Dopo la vittoria con la Giana Erminio ha parlato il tecnico bianconero Alessandro Dal Canto. Queste le sue parole:

Episodi - "Abbiamo avuto occasioni grosse per far gol, però siamo partiti e la prima palla gol gigantesca ce l'ha avuta la Giana. Dopo le partite cambiano per gli episodi, avrebbe potuto spostare gli equilibri. La partita poi ha preso la piega che volevamo, loro sono stati costretti ad aprirsi un pochettino. Abbiamo trovato gli spazi per poter far gol nel primo tempo, ma nel secondo tempo siamo andati nettamente meglio e avevamo l'obbligo di chiuderla prima".

Avversari - "La Giana è stata in partita fino all'ultimo minuto, quindi ci può stare che un episodio ti possa condannare. E a quel punto mi ritrovo a raccontare la solita filastrocca di fine partita. Oggi un po' meno delle altre abbiamo potuto gestire la gara sotto il profilo del palleggio e del predominio territoriale, perchè la Giana ha fatto quello che doveva fare. Altre volte la spostiamo più nettamente ma non riusciamo a portarla a casa. Dobbiamo diventare più bravi sotto questo aspetto se vogliamo fare un campionato di livello".

Ritorno alle origini - "Oggi qualcuno si era meritato di partire dal primo minuto, noi eravamo partiti con l'idea del trequartista e le due punte, poi ho cambiato perchè la squadra dava l'impressione di essere fragile dal punto strutturale e dell'episodio. Ho ritenuto e ritengo ancora che il 3-5-2 ci dia una consapevolezza diversa ma credo che ora la squadra abbia la consapevolezza di poter tornare al modulo di partenza. Abbiamo Guberti, Campagnacci, D'Auria, Serrotti che possono giocare in ruoli offensivi, sarebbe stupido castrarli per qualcos'altro. L'importante è che la squadra mantenga l'equilibrio".

Testa - "La vetta la eliminerei, non è roba per noi. A qualcuno potrà non piacere, ma non è un problema mia. Inutile che racconto la storia dell'orso quando il Monza è nettamente superiore e andrà giustamente in Serie B. Le altre si giocano un posto di rilievo nel playoff, noi però dobbiamo trovare più continuità in casa se ci vogliamo arrivare. Abbiamo regalato troppi punti, il terreno perso è solo colpa nostra. Può essere sfortuna una o due volte, quando una squadra persevera è un difetto da aggiustare".

Fuori casa - "Sei vittorie su sette partite effettivamente è un ruolino da Monza, recuperiamo sistematicamente quello che perdiamo a Siena. Dobbiamo cercare di equilibrare al più presto la cosa". (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol
Foto: New Press