Tosoni Auto

News

14/10/19 13:24 | Sei bella come un goal di Marco Guidone al 96'

Il castigatore, l'uomo della provvidenza, il giustiziere... chiamate pure Marco Guidone come volete. E' sua la rete che consegna alla Robur un pareggio più che meritato al 96' minuto di un derby infinito. Come al solito lo scontro con l'Arezzo vive di regole proprie, di emozioni e di un finale sempre in discussione. Non può essere figlia del caso la voglia e la fame che si scatena negli ultimi fatidici minuti di recupero, durante i quali i bianconeri alzano il baricentro e gettano il cuore oltre l'ostacolo e il pallone in fondo al sacco. E' successo, sempre in casa, contro la Pistoiese e ciò si è ripetuto anche ieri con l'incornata di Guidone. Nella specifica situazione bravo l'attaccante a sfuggire alla difesa, beffare Nolan e dare il via all'apoteosi in campo e sugli spalti convertendo nella sua prima rete in campionato il cross di D'Auria.

Partita dai due volti quella della squadra di Alessandro Dal Canto che ci mette l'atteggiamento ideale, ma che si perde al momento della conclusione verso la porta. Davanti le difficoltà ci sono, dovute anche al fatto che non si metta la giusta applicazione in sede di finalizzazione e che le punte siano poco servite. Gli avanti bianconeri si muovono, svariano e danno vita a buone trame senza però pungere a dovere. In tal senso si chiede più aggressività a Polidori che fa tanto lavoro per la squadra e meno per se stesso. Specie se poco servito. L'impegno c'è, adesso tocca essere più coraggiosi. In tal senso è sulla via giusta Marco Guidone a seguo da due partite consecutive e che sta iniziando a ingranare. Attaccanti diversi per caratteristiche e doti individuali lui e l'ex Viterbese che hanno bisogno di sbloccarsi definitivamente. Siamo ancora alla nona giornata, il tempo c'è tutto.

Veniamo alla rete subita. Furbo l'Arezzo a sfruttare una punizione in maniera magistrale grazie a una serie di finte che colgono di sorpresa la difesa. Non era semplice capire le intenzioni degli amaranto, in questo caso bravi a mettere in atto uno schema studiato. Per gli ospiti, aggiungendo il tiro dalla media distanza di Rolando, le conclusioni verso lo specchio sono due soltanto. Hanno avuto più occasioni i senesi, alla luce anche di una rete annullata per dubbia posizione irregolare di Cesarini. In sintesi il pareggio può considerarsi giusto con due squadre che si sono fronteggiate con voglia di portare a casa il bottino pieno, finendo per essere penalizzate da qualche errore di troppo. Per i padroni di casa questo è il quinto risultato utile consecutivo considerando la vittoria in Coppa Italia-Serie C col Pontedera, segno di una continuità che sta arrivando. I prossimi tre impegni contro Pergolettese in Lombardia e Pianese e Pro Vercelli al 'Rastrello' dovranno e potranno dire molto su di una squadra che ha da migliorare in certi aspetti e da consolidarne altri.

 

(Giacomo Principato)

Fonte: FOL