DALLO ZECCHINI: ANTONIO CONTE

Antonio Conte: “Faccio i miei complimenti al Grosseto, che in campo ha dato tutto. Ma il Siena ha meritato la vittoria. Ha meritato i tre punti e il primato: i miei giocatori, come dico sempre, stanno facendo qualcosa di davvero straordinario. Ringrazio tantissimo i nostri tifosi, che ci hanno seguito in massa e che ci sono stati vicini per novanta minuti. Credo che i ragazzi li abbiano ripagati nel migliore dei modi: con una grande prestazione, con la vittoria del derby e con la festa che hanno fatto tutti insieme al triplice fischio. I nostri numeri sono importanti. Faccio un plauso alla mia squadra anche se mi dispiace per le clamorose occasioni che ci sono capitate e che non abbiamo sfruttato. Quando ne hai la possibilità le partite devi chiuderle. Noi abbiamo creato tanto, il Grosseto si è affidato per lo più ai lanci lunghi senza creare troppi pericoli.

La sfuriata di Camilli? Ognuno vede la sua partita: secondo me Pinzani ha diretto in maniera ineccepibile. Se per i biancorossi questa era la partita della vita, per noi ogni sfida, dall’inizio dell’anno, lo è stata e lo è. Insieme all’Atalanta il Siena è partito come club candidato alla promozione e quindo ‘costretto’ a vincere sempre. Altre squadre si sono nascoste dietro a noi e ai bergamaschi, potendo condurre così un campionato lontano da pressione. Abbiamo vinto questo derby così sentito con grande autorità, con forza, cattiveria e organizzazione: siamo una squadra matura, che con il lavoro, nei mesi, è cresciuta tantissimo. Siamo una squadra mentalizzata: chi entra, chi subentra, sa perfettamente cosa deve fare e quindi, a questo punto, le assenze non si notano. Ogni giocatore sa qual è il suo compito, anche se magari gioca meno. Guardate Larrondo: credo che a questo punto abbiate capito perché ho puntato su di lui. Ha fatto un’altra grande partita.

Ora testa bassa e lavorare: non è ancora finita. Diciamo che la vittoria di oggi può essere considerata una scorciatoia nella strada verso il nostro traguardo… La rete di Del Grosso? Cristiano ha un buon piede e spesso gli facciamo tirare le punizioni. Oggi ha segnato e ci ha regalato anche l’illusione della doppietta nella ripresa. Sono contento per lui e per la squadra, perché il fatto che i gol arrivino anche da chi non è attaccante, è un buon segno, un’arma in più”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line