Dallo stadio Ossola: il direttore Antonelli

“Chi ha sbagliato il rigore è proprio il giocatore più rappresentativo, è stata davvero una beffa” afferma il direttore Antronelli che prosegue “sono stai tutti fantastici. Poi l’episodio decisivo sui piedi di un giocatore e un ragazzo straordinario. Ringrazio tutti i giocatori, il mister e lo staff, i tifosi che ci hanno seguito anche oggi. Sono emozionato perchè tutti meritavano qualcosa di importante. Hanno sovvertito una serie di ostacoli e vicissitudini incredibili. Che devo dire? Che il loro rigore era fuori area? A noi ci è detto bene solo contro il Trapani, poi ci siamo conquistati e sudati tutto sul campo. Ringrazio tutti i tifosi e chi c’è stato vicino. Ora mi auguro solo una cosa e per questo voglio rivolgere un appello alla proprietà e cioè che tuteli questa azienda, che mantenga gli impegni che possano permettere al Siena di potersi riscrivere per continuare la storia di questa società straordinaria. Avrei voluto farlo con la serie A, ma purtroppo l’epilogo è questo”.

Se ripensiamo agli episodi, forse eravamo in serie A diretti: “questo è il calcio. Stasera quel rigore di Rosina poteva essere il momento magico che cambiava la storia del campionato e di questa società, perché potevamo essere la mina vagante nei ply off. Purtroppo ci hanno condannato gli episodi. Spero che da lunedì in poi si lavori solo per ottemperare a tutto per far continuare questa squadra e questo club che ha dimostrato di poter competere senza spendere in maniera faraonica. Mi auguro che questo possa essere un punto di partenza.” (a.g.)

 

Fonte: Fedelissimo Online-A.R.E.