DALLA ZONA MISTA: I GIOCATORI

 Alex Tziolis: “Data la situazione di classifica ogni volta che scendiamo in campo, dobbiamo farlo per vincere. Ma questo pari va preso come un punto guadagnato. Il gol non arriva? Continuerò a cercarlo fino alla fine? Cosa abbiamo detto a Ghezzal? Niente. Subito dopo la partita non è mai positivo criticare un giocatore. E poi tutti quanti abbiamo corso tantissimo, abbiamo lottato e inseguito il successo mettendocela tutta. Nel secondo tempo abbiamo rischiato di più rispetto al primo, eravamo più convinti e determinati. Papastathopoulos? Lo conosco bene, siamo compagni nella nazionale greca. Io volevo vincere, lui voleva vincere, non ha vinto nessuno…”. 

 

 

Emilson Cribari: “Dopo questo punto conquistato dobbiamo continuare a lavorare sodo. Venivamo dalla brutta partita di mercoledì, oggi abbiamo reagito e abbiamo lottato fino alla fine. A Roma abbiamo fatto fatica a prendere le misure, loro sono cresciuti e ci hanno messo in difficoltà. Oggi invece abbiamo giocato bene, non siamo riusciti a segnare ma eravamo in partita. Non smetteremo di lottare mai fino all’ultima giornata. La difesa sta crescendo? Se vogliamo salvarci dobbiamo necessariamente essere solidi dietro, non mollare niente, lavorare duro e giocare come oggi”. 
 

Gianluca Curci: “Peccato, per noi tre punti erano davvero fondamentali. Ci abbiamo provato, proprio come i nostri avversari, ma non ci siamo riusciti”.

Marcelo Larrondo: “Sono entrato a partita in corso e ho cercato di dare il massimo per la squadra. Volevamo i tre punti ma anche questa lunghezza è importante: abbiamo mosso la classifica e ora non dobbiamo mollare, ma andare avanti e prepararci per la prossima partita, lo scontro diretto di Bergamo. Il Genoa è una squadra compatta, proprio come noi inseguiva la vittoria. Ci abbiamo provato, ma la palla non è proprio voluta entrare: abbiamo creato tantissime occasioni. La classifica non ci aiuta mentalmente ma da questa cosa possiamo uscire soltanto con il lavoro”.
 
Houssine Kharja: “E’ stata una partita strana, entrambi abbiamo provato a vincerla, ma non ci siamo riusciti. Mi dispiace perché sono dovuto uscire per un sospetto stiramento, speriamo non sia niente di grave, sono appena rientrato… Il punto non fa comodo a nessuno, anche se a questo punto del campionato anche una lunghezza può aiutare. Mi dispiace vedere il Siena così in basso, auguro ai miei ex compagni di salvarsi. Si giocheranno tanto nello scontro diretto di domenica a Bergamo. Cosa ha compromesso la stagione del Siena? Credo principalmente la partenza di Portanova. Un grande giocatore e un uomo importantissimo per lo spogliatoio. Giocatori come me sono sostituibili, giocatori come lui no… Il Genoa? Speriamo di arrivare in Europa”. (a.go.)

Fonte: Sky-Are-Fedelissimo on line