DALLA SALA STAMPA: LARRONDO E CALAIO’

 

Marcelo Larrondo: “Sono davvero molto contento: ho segnato il mio primo gol in prima squadra nella prima partita in cui ho vestito la maglia titolare. Sono felice anche per la partita: abbiamo giocato bene e ottenuto una vittoria importante, che ci serviva dopo la batosta di Genova. Cosa mi hanno detto i compagni? Di stare tranquillo, di giopcare come fosse un normale allenamento. Se mi dispiace per Baroni? Sì, ma il calcio è questo… Con lui in questi giorni ci siamo allenati bene, lo abbiamo seguito: è un allenatore bravissimo. Su Beretta non posso dire niente perché non lo conosco”.

Emanuele Calaiò: “Abbiamo vinto grazie a una partita di sacrificio, è stata una vittoria del gruppo, del cuore: mancava mezza squadra, Rossi e Fini hanno giocato in un ruolo non loro… Ma ci tenevamo a vincere in casa, anche se si trattava della Coppa Italia. Era pur sempre un derby. Con Larrondo mi sono trovato benissimo: siamo due uomini d’area, bravi a sfruttare i cross dalle fasce. Gli altri, come Maccarone, hanno altre caratteristiche, il dribbling, la profondità. Bene che abbiamo segnato entrambi. Personalmente sono contento anche perché mio cognato gioca nel Grosseto… Non sarà felice della sconfitta. Baroni? Quando è andato via Giampaolo gli siamo andati incontro, siamo stati i primi ad aiutarlo e seguirlo. Ho letto di Beretta ma finché non c’è l’ufficialità non possiamo dire niente. L’importante, comunque, in questi casi, è avere sempre la coscienza tranquilla: e Baroni, vada come vada, ce l’ha perché in questi giorni ha fatto benissimo, ci ha allenato bene”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line