DALLA SALA STAMPA: I BIANCONERI

 

Simone Vergassola: “Siamo questi, purtroppo siamo questi. Abbiamo giocato una buona partita, abbiamo ottenuto un vantaggio meritato, poi dopo quindici secondi abbiamo preso un gol alla stessa maniera di sempre. Poi è diventato tutto difficile, con la fine della partita sempre più vicina…Questi sono i nostri limiti. Un peccato: abbiamo perso due punti da spararci in testa. Siamo qua a raccontarci sempre le stesse cose. Creiamo tanto, poi ci perdiamo in un bicchiere d’acqua. Non mi sembra che siamo calati nel secondo tempo, facciamo errori evitabili. Quella di oggi è un’altra grande occasione persa, e ora l’impresa è sempre più difficile. Ora dobbiamo andare a Roma a prenderci dei punti. Dobbiamo interpretare la sfida nella maniera giusta. La voglia di lavorare c’è sempre stata e ci sarà.. Ci crediamo, oggi a livello di gioco ce la siamo giocata tranquillamente: la determinazione c’è stata. Ci sono ancora tante partite, non molliamo”.

Emanuele Calaiò: “E’ un periodo così, ci gira male, non fai in tempo a esultare che prendi gol, per una disattenzione: il Cagliari è una squadra in salute, che vive di contropiede e noi gliela abbiamo concesso. Peccato, perché fino al gol avevamo giocato una grande partita, poi forse è subentrata la paura di vincere. Non siamo tranquilli, avvertiamo la pressione dell’ultima posizione e subentrano i timori. Ci prepariamo bene in settimana, anche sulle marcature, poi ogni volta commettiamo gli stessi sbagli. E’ solo colpa nostra: chiediamo scusa ai tifosi, che ci hanno incitato tanto, stavamo assaporando questa importante vittoria e poi… Non ce ne dice bene una: un palo primo tempo, una gran parata di Marchetti. Poi lo sfortunato rigore di Cribari. In dieci abbiamo addirittura rischiato di perdere in contropiede. Dobbiamo capire gli errori e andare avanti con la consapevolezza che è davvero dura, con tanti punti che ci separano dalla quart’ultima, ma con la voglia di non mollare per centrare l’impresa. E’ stato un bel gol? Sì, è l’unica piccola cosa positiva in questa giornata storta. Ma tanto non vale niente. Ogni domenica segni, pensate ai gol di Maccarone, ma non raccogli punti. Non va bene. La Roma? In questo momento chi incontri incontri. Ogni partita ha una sua storia: a Milano, per esempio, abbiamo perso per un errore arbitrale… Andiamo a Roma con i due centrali di difesa squalificati, affrontiamo una squadra che sta attraversando un ottimo momento. Cercheremo di darle più fastidio possibile, non vogliamo andare all’Olimpico per fare una passeggiata”. (a.go.)

Fonte: Fedelissimo on line