DALLA SALA STAMPA: GHEZZAL E ROSI

 Abdelkader Ghezzal: “Sono contento per la vittoria e per essere tornato a segnare. Questo successo è importante, perché ci porta a sei punti dalla quart’ultima. Nel primo tempo i nostri avversari hanno giocato benissimo, soprattutto Barreto e Castillo ci hanno creato tanta difficoltà. Poi è venuta fuori la nostra cattiveria, la rabbia che ci ha permesso di rimontare. Anche oggi ho rivestito diversi ruoli: ho iniziato la partita a sinistra, poi il mister mi ha chiesto di cambiare con Maccarone. A mi piace girare, farmi dare la palla, creare azioni da gol. La seconda rete? Ho visto Gillet fuori dai pali e la mia intenzione era prorio di fare il pallonetto. E’ sicuramente uno dei miei gol più belli”. 

 

 

Aleandro Rosi: “Finché la matematica non ci condanna dobbiamo dare tutto per squadra e per i tifosi. Oggi non erano in tanti, ma vanno capiti: non è bello retrocedere. Noi non possiamo che andare avanti per la nostra strada. Tutti dal mister ai miei compagni, ci crediamo. Il gol? Finalmente è arrivato… Lo dedico a mia mamma che sta poco bene: dopo la rete sono corso sotto la Curva perché è l’esultanza più bella che ci possa essere, soprattutto quando giochi in casa. Sono contento di quello che ho fatto e di quello che ho dato, tutti siamo stati bravi a sfruttare le palle gol capitateci. Mancano cinque partite da qui alla fine, dobbiamo vincerle tutte, è difficile ma ci proviamo. La Roma capolista? Sono contento da tifoso, e per i miei ex compagni, ai quali faccio un grosso in bocca al lupo. Ma il mio primo pensiero è per la Robur: forza Siena e forza Roma”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line