Dalla Performance: Spinazzola e Filipe

Fino a venerdì i bianconeri sosterranno alla Performance le visite mediche di routine. L'occasione giusta per conoscere i volti nuovi della Robur e sentire la voce di tutti gli altri.

Leonardo Spinazzola: “Per me si tratta di un ritorno: in bianconero ho iniziato con i Giovanissimi nazionali e sono rimasto fino ai diciassette anni, con gli Allievi e poi la Primavera. Mi sono poi trasferito alla Juventus dove ho militato per due anni. La scorsa stagione ho giocato a Empoli e a Lanciano. In azzurro ero partito bene: ho giocato sette partite, soddisfatto del mio rendimento. Poi mi sono dovuto fermare un mese e al rientro, con il cambio di modulo ho faticato a trovare spazio. Allora a gennaio mi sono trasferito a Lanciano, ma lì la squadra era già formata e non ho avuto chance. Sono un esterno di centrocampo, un giocatore di grande corsa, me la cavo in tutto.
Mignani? Mi ha allenato solo un anno ma lo reputo un grande mister, con i giovani ci sa fare, speriamo che abbia fiducia in me e mi dia una mano. Con quale spirito affronto l'avventura? Lavorare, lavorare, lavorare, poi si vedrà”.

Filipe: “Sono passati tanti anni da quando me ne sono andato da Siena, ma è come se il tempo non fosse trascorso. Sono contento di tornare perché questa società mi ha dato fiducia e spero questa volta di rimanere. A Varese è andata bene, ho cercato di crescere, di maturare: sono soddisfatto di quello che ho fatto. La B la conosco bene, è un campionato duro e lungo, dobbiamo rimanere sempre sul pezzo e non mollare mai. Personalmente cercherò di mettermi in mostra far vedere il mio valere e ripagare Siena per avere puntato su di me”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line