Dal Tardini: Vergassola e Neto

Simone Vergassola: “Abbiamo giocato un buon primo tempo, siamo partiti bene, avevamo in mano il pallino del gico. E con Reginaldo abbiamo avuto una grande occasione per passare in vantaggio. Nella ripresa, invece, loro hanno spinto di più, noi ci siamo affidati alle rispartenze, che potevamo sfruttare in maniera migliore. Siamo mancati nell'ultimo passaggio, con un passaggio in più avremmo potuto aggirare la loro difesa. Il punto è comunque meritato e positivo, che fa classifica, considerati anche i risultati che sono venuti fuori dagli altri campi. Bene il centrocampo? Abbiamo fatto un buon lavoro, abbiamo giocato e recuperato tante palle, che potevamo sfruttare meglio in alcune situazioni. Ma anche gli attaccanti ci hanno dato una grossa mano. Il Pescara? Ogni partita ha una storia a sé e se è vero che gli abruzzesi vengono dallo schiaffone con la Juventus, è vero anche che domenica scorsa proprio il Pescara aveva battuto il Parma… Ci sarà tensione in campo, ma noi dobbiamo andare avanti per la nostra strada, considerando la sconfitta di Cagliari solo una parentesi del nostro cammino, imparando dagli errori. In casa, contro una diretta concorrente, non possiamo sbagliare”.

Luís Neto: “Abbiamo conquistato un punto importantissimo per la nostra guerra, che è la salvezza. Dovevamo dare continuità alla vittoria sul Genoa e con lo 0-0 ci siamo riusciti. Contro una squadra ostica, che ci ha fatto soffrire, soprattutto nella ripresa. Potevamo semmai sfruttare meglio le occasioni che ci sono capitate. Teniamoci stretto questo pareggio. La mia prova? Sono soddisfatto. Volevo riscattarmi dopo la disfatta in Sardegna, ce l'ho messa tutta”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line