DAL MATUSA: VERGASSOLA E TERZI

Simone Vergassola: “Sono contento di aver segnato finalmente un gol da tre punti visto che contro il Livorno ero andato in rete ma sul 4-0… E’ stato bello sentire risuonare al Matusa “C’è solo un capitano”: certe cose non possono che fare piacere. Anche oggi i tifosi ci sono stati vicino. Ci voleva questa vittoria, per dare continuità ai risultati inanellati e per non perdere terreno con le altre che avevano vinto: sapevamo che sarebbe stata dura, nel primo tempo abbiamo un po’ sofferto, loro hanno spinto parecchio, il Frosinone è un avversario di valore. Nella ripresa siamo venuti fuori e abbiamo sfruttato al meglio le occasioni che ci sono capitate: prima del mio gol il colpo di testa di Calaiò e una conclusione di Brienza. Alla fine il risultato credo sia meritato. Ora dobbiamo continuare così: la squadra, come ha detto il mister è cresciuta tantissimo da ogni punto di vista. Ma non possiamo deconcentrarci: già da domani ci rimetteremo al lavoro per preparare al meglio Siena-Vicenza, un’altra sfida che non vogliamo fallire”.

Claudio Terzi
: “Siamo molto contenti per il successo centrato al Matusa: lo abbiamo voluto a tutti i costi. E’ stata una vittoria di cuore, sì, ma anche di carattere, di gioco e di tenuta fisica. Stiamo bene e si è visto. Nella ripresa siamo venuti fuori alla grande e appena è calato un po’ il ritmo li abbiamo colpiti. Siamo contenti perché abbiamo dato continuità agli ultimi due successi, rimanendo lì a un punto dall’Atalanta. Abbiamo dimostrato di avere personalità e di poter far bene anche in trasferta, cosa che magari durante l’anno ci era apparsa più difficile. La spinta a Pestrin? Sono solo intervenuto per difendere Bolzoni, c’è stato un contatto lui è caduto. Cose che nel calcio possono succedere”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line