Dal Franchi: Vergassola e Del Grosso

Simone Vergassola: “Il primo tempo abbiamo fatto bene, ci è mancato forse l’ultimo passaggio però eravamo corti e aggressivi nella giusta maniera. Nel secondo tempo invece ci siamo allungati e lasciato troppo campo a loro. Poi dopo il gol hanno trovato subito anche il raddoppio che ci ha tagliato le gambe. Peccato, perché per come si era messo il primo tempo pensavo ad una gara diversa. Ci siamo allungati e ci sta di prendere gol come è successo. Adesso dobbiamo mettersi sotto, pensare al Napoli e poi al Chievo che sarà un’altro scontro importante. Quando si perde non si è mai soddisfatti, si poteva far meglio, far girare la palla più veloce, soprattutto nel secondo tempo. Loro sono stati bravi, ci hanno aggredito meglio e noi dovevamo capire che ad un certo punto dovevamo aspettare un attimo perché se non riesce a vincere può andar bene anche un pareggio. E questo non lo abbiamo ancora capito bene. Non credo che ci sia appagamento, anzi garantisco che finchè non siamo salvi non sarà così. Loro hanno creato densità dietro, gli spazi non erano tantissimi e abbiamo fatto fatica. Se oggi avevamo giocatori con certe caratteristiche come Destro potevamo fare qualcosa di più. È andata male dobbiamo rimettersi sotto ma essendo consapevoli che il campionato è difficile e che oggi avevamo una chance importante per togliersi dalla zona più agitata e invece ci siamo ancora. L’unica cosa positiva è che almeno il Lecce ha fatto solo un punto”.

Cristiano Del Grosso: “Il primo tempo direi bene, una partita difficile, affrontavamo un Novara che non lasciava spazi però avevano la giusta determinazione e siamo arrivati spesso sotto porta. Nel secondo tempo c’è stato un calo anche fisico ed anche personalmente mi sento molto stanco. Abbiamo preso due eurogol e purtroppo sapevamo che era una gara che chi la sbloccava avrebbe vinto. Oggi abbiamo dato tutto, più di quello non potevamo fare e allora complimenti al Novara che ha trovato due grandi gol e ha preso 3 punti. Calaiò ha sempre giocato, un giocatore importante per noi e per il Siena, però chi ha giocato al posto suo ha fatto bene. Per gli attaccanti oggi era una gara difficile, loro si chiudevano dietro e sfruttavano le ripartenze. Con l’ingresso di Caraccioli hanno cambiato la gara perché prendeva le palle alte davanti e con le sponde serviva bene i compagni che si inserivano e proprio i gol sono arrivati così. Una gara storta ci può stare, però senza pessimismo guardiamo avanti, cercando di portare a termine una stagione importante andando a fare prima possibile quei punti che ci mancano. Dobbiamo continuare a guardare partita dopo partita: ora ci aspetta questo impegno storico, dove metteremo tutta la buona volontà per far qualcosa di importante in Coppa. Ma per noi è fondamentale la salvezza”. (Luca Casamonti)

Fonte: Fedelissimo Online