Dal Franchi: Paci e D’Agostino

Massimo Paci: “Siam contenti del passaggio del turno ma sappiamo che dobbiamo migliorare. Va detto che abbiamo lavorato molto in preparazione e forse tutto è nella norma. Fino a adesso abbiamo lavorato bene, stasera purtroppo abbiamo avuto delle difficoltà, abbiamo preso due go e non doveva succedere. Ma come detto prima, credo che in questa fase del ritiro ci può stare ed è accettabile. Con il caldo poi non era facile giocare, è vero c’era anche per loro ma trentadue gradi alle nove di sera erano anni che non li ricordavo e abbiamo fatto davvero tutti una gran fatica. Però siamo contenti perché abbiamo fatto molto gioco, creato e fatto 4 gol. Personalmente qua io mi trovo benissimo: c’è un grande gruppo, una grande società e soprattutto una grande organizzazione e una gran cultura del lavoro. Quindi tutto per far bene. Adesso da martedì testa bassa e ci prepariamo al campionato e al Torino”.

Gaetano D’Agostino: “L’assetto di quest’anno è diverso ed io mi trovo più a mio agio così. L’anno scorso è stato un anno di semina, se così si può dire, e di giusta sofferenza, dove ho pensato al gruppo e alla salvezza. Sappiamo che quest’anno sarà più dura salvarsi: dobbiamo quindi lavorare tanto, ma anche essere più sicuri di noi stessi, perché creiamo tanto anche se dovremmo essere più bravi e  attenti in fase difensiva. Comunque stasera siamo contenti del passaggio del turno e adesso da martedì si pensa al campionato e al Torino. Sono rimasto a Sirena perchè le difficoltà, non dicono che mi esaltano, ma mi danno degli stimoli diversi e in più. Pensando alle squalifiche ritengo i miei compagni innocenti e e prego per loro, anche perchè personalmente credo nella giustizia divina e non in quella umana. Però questo -6 ci potrebbe dare quello stimolo ulteriore per stringere i denti e fare più punti possibile perché,  paradossalmente, dopo la promozione e la salvezza delle ultimi due anni ci può stare anche un po’ di appagamento che non ci vuole assolutamente quando lotti per salvarti”. (Lu.Ca)

Fonte: Fedelissimo Online