Dal Franchi: mister Beretta

Ho visto cose belle, a due giorni da Padova, contro un avversario reduce da otto gironi di riposo. Abbiamo rischiato pochissimo, escludendo forse qualche palla inattiva dove concedevano parecchi centimetri. Inoltre oggi siamo tornati a quattro dietro senza problemi. La ciliegina sarebbe stata vincere. Rigore? Dispiace, anche se purtroppo capita che quando aspetti tanto un rigore poi lo sbagli. Speriamo di aver rotto il ghiaccio e di averne altri. Episodi? Partendo dal gol subito, l'angolo da cui è scaturito non c'era: non l'avevo vista in diretta, poi rivendendolo in tv non esiste: noi calciamo verso una direzione, la palla va nell'altra ed è talmente evidente la situazione. Anche sul rigore, se viene concesso, dovrebbe arrivare l'espulsione essendo dentro l'area piccola e chiara occasione da gol. Punti persi? C'è rammarico per le ultime gare, ma anche per altre durante la stagione perché, non solo per demeriti nostri, potevamo avere qualcosa in più. Allo stesso tempo siamo stati bravi a riprendere risultati nel finale che ci hanno portato punti importanti tanto che forse alla fine diciamo che si equivalgono. Quello che invece non si è pareggiato sono certi episodi che ci hanno tolti punti per colpe non nostre, come Cittadella e Cesena. Bilancio? Estremamente positivo. Abbiamo fatto 34 punti e spero di rifarli altrettanti nel girone di ritorno. Inoltre abbiamo lanciato tanti giovani che sono un bene del club e schiariamo, come oggi, tanti ragazzi nati negli anni novanta. Inoltre credo che abbiamo dimostrato ulteriormente che chiunque va in campo da il 110%, corre, si dà da fare e ha un grande spirito di squadra, al di la dell'errore che ci può stare. Speriamo di ripartire così. Il mercato? Abbiamo dimostrato che sappiamo pensare solo al campo senza farsi distrarre. (Luca Casamonti)

Fonte: Fedelissimo Online