Dal Franchi: Giorgio Perinetti

Giorgio Perinetti: Fin dal prima del via del campionato getto acqua sul fuoco, perché penso che tutto quello che stiamo facendo è un qualcosa oltre alle righe. Dobbiamo continuare e mantenerci su questo standard: questo è tutto frutto di voglia, di sacrificio e lavoro e non di potenzialità tecniche superiori alle altre. Non siamo migliori degli altri, ma più vogliosi, affamati e organizzati e questo è il concetto che ci deve portare avanti. Siamo anche bravi, ma lo siamo soprattutto nell’aver una buona organizzazione di gioco, la voglia di fare e un grande spirito di gruppo. Fare bene contro avversarie dirette è fondamentale, anche in virtù della classifica avulsa o di quanto altro: sono scontri fondamentali e li abbiamo fatti nostri. Dispiace per Novara, dove ci eravamo quasi riusciti, poi ci sono anche gli altri e con il gran gol di Gemiti se ne sono andati due punti. Però ci siamo ripresi immediatamente, questi ragazzi meritano un grande elogio e spero che continuino così. L’arbitro nel primo tempo ha concesso una gran quantità di falli senza nessun cartellino e mi ha lasciato un po’ perplesso, ma non voglio parlare dell’arbitro proprio oggi. Vergassola è un giocatore che deve essere un esempio, adesso è il capitano non giocatore e spero ci stia vicino perché per tutti i ragazzi è un punto di riferimento. Scegliendo Sannino speravo di avere questa tenuta difensiva perché è bravissimo nell’organizzare la fase difensiva. Rispetto alle prime giornate dovevamo trovare la condizione e equilibri e grazie anche all’aver ritrovato D’Agostino è normale che adesso troviamo anche  meno difficoltà nel fare gol., Poi segnare in serie A non è mai facile. (Lu.Ca)

Fonte: Fedelissimo Online