Dal Canto: “Sapevamo che sarebbe stato difficile fare punti qui”

Nel post-partita per la Carrarese si è presentato a parlare l’ex Alessandro Dal Canto, tecnico della Carrarese. Di seguito le sue parole:

Partita – “Il primo tempo è stato più vivace come intensità, poi è normale che qualcosa sia calato. Le due squadre hanno provato a superarsi a vicenda, siccome in questo momento stanno bene ci sta che paradossalmente si annullino un po’. Alla fine credo che il risultato sia giusto, va bene così”.

Gestione – “Guardiamo sempre le squadre che adottano il modulo nostro, per vedere che soluzioni adottato, ma la nostra squadra è sempre stata ordinata. Il modulo ci sta ci mettesse in difficoltà sulle linee di gioco, sapevamo che ci sarebbe stato da correre un po’ di più. Loro sono partiti forte il primo quarto d’ora, poi pian piano sono un po’ scesi, mentre noi ci siamo ripresi. Nel secondo tempo secondo me siamo cresciuti nella gestione della palla ma senza grandi sussulti”.

Occasioni – “Ne abbiamo avute simili, quelle del Siena forse sono state più fortuite. Ma sapevamo che questa partita potesse vivere sull’episodio e che sarebbe stato difficile fare punti. Il Siena in casa ha fatto punti con tutti, ha sempre preso pochi gol, non è che ci aspettavamo di creare 50 occasioni. Sapevamo di dover gestire il meglio possibile quello che ci sarebbe capitato”.

Classifica – “Ad oggi i valori sono questi, ma il campionato è lungo. Reggiana e Entella hanno allungato, ora entriamo nel vivo e vedremo quanto quelle che inseguono riescono a tenere botta. Noi dobbiamo fare il nostro cammino in modo sereno, non siamo stati costruire per ammazzare il campionato ma vogliamo stare in posizioni nobili il più possibile e questo dipende da che prestazioni facciamo. Dobbiamo continuare su questi aspetti senza fasciarsi la testa”.

Siena – “Ormai sono un ex di tante squadre, visto che negli ultimi 9 anni ho cambiato 9 club. Qui sono stato bene e fa sempre piacere tornare in posti dove si è stati bene. Oggi faccio il tifo per la Carrarese senza nulla togliere agli altri. Del Siena che avevo io sono rimasti Alessandra (Pasquini, ndr), Ezio (Targi, ndr) e forse pochi altri. C’è stato un ricambio grosso, sia dal punto di vista dei giocatori che societario”.

Ambiente – “Abbiamo vissuto una stagione un po’ tribolata dal punto di vista societario, ma nel calcio capita. Dispiace più che altro per la piazza che si è trovata a ricominciare dalla D, ma per fortuna è tornata su subito. Oggi mi sembra sia una realtà solida e sono contento per il Siena”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol