DA UDINE: MALESANI E MARINO

Alberto Malesani: “Fino al 3-1 siamo stati in partita, dopo il terzo gol è umano mollare. Il brutto è giocare un primo tempo come abbiamo fatto noi, e passare in svantaggio. Purtroppo commettiamo troppe ingenuità individuali e quelle non ci hanno permesso di compiere il salto. E’ un’annata tutta sbagliata e nelle annate sbagliate ci sono anche gli errori dei guardalinee: oggi è stato annullato un gol a Calaiò regolare e se ce lo avessero dato forse avremmo visto un’altra partita. L’Udinese di questo pomeriggio non era una squadra impossibile da battere, non sono pazzo a dirlo dopo un 4-1: loro hanno probabilmente speso molto mercoledì e noi abbiamo perso per errori singoli. Produciamo, facciamo gioco, poi incappiamo sempre nell’errore individuale. Ho provato ad analizzare questo problema, a rimediare, ma non ci sono riuscito. Probabilmente l’handicap sta nell’ansia con cui siamo sempre scesi in campo. Comunque durante la mia gestione i ragazzi hanno sempre dato tutto, su questo non posso dire loro niente. Ora mancano tre partite alla fine del campionato e la mia volontà, che sono sicuro sia anche quella della squadra, è di giocarcele dando il massimo. Il Livorno, nonostante la matematica retrocessione, oggi ha battuto il Catania. Il calendario ci mette di fronte a squadre sulla carta molto forti, ma dobbiamo affrontarle come se la classifica non fosse questa. Voglio che nessuno possa dirci che non abbiamo dato tutto fino in fondo. I prossimi tre incontri possono dire molto sotto diversi profili: tengo tantissimo a queste ultime giornate, voglio che il Siena dia tutto, poi se gli avversari vincono è un altro discorso… E nel caso poi si dovesse retrocedere in serie B, ci deve essere la voglia di operare bene per poter subito risalire. Se lascerò Siena? Non ho detto che lascerò il Siena, ho detto solo che vorrei allenare una squadra dove posso intervenire secondo le mie idee. Potrebbe essere il Siena come un’altra. Se non dovessi trovarla sono anche pronto a rimanere fermo”.

Pasquale Marino: “Oggi sono molto contento, i ragazzi sono stati bravi, non era facile: abbiamo giocato anche in settimana e contro la Roma siamo andati ai supplementari. Segno del nostro valore. Con la vittoria sul Siena non dico che siamo matematicamente salvi, ma siamo molto molto vicini all’obiettivo. Questo è un campionato dove tutte le squadre sono determinate e scendono in campo agguerrite, il nostro recente ruolino di marcia è invidiabile, abbiamo centrato riusltati importanti che ci hanno permesso di risalire la china”. (a.go)

Fonte: Are-Rs-Fedelissimo on line