Da San Siro: Bolzoni, Pegolo e Gonzalez

Francesco Bolzoni: “Abbiamo disputato una buona gara, di sofferenza. Un peccato, considerando che eravamo riusciti anche a passare in vantaggio. Perdere così dispiace. Sono contento di essere tornato a giocare: purtroppo per due mesi non mi sono potuto allenare con i compagni per colpa della pubalgia. Il Lecce sta continuando a vincere? Noi dobbiamo fare la corsa solo su noi stessi, abbiamo anche la possibilità di battere il record di punti in serie A. Dobbiamo pensare solo a fare risultato con il Bologna”.

Gianluca Pegolo: “L'espulsione? Gli ho detto bravo, in modo ironico, a 30 metri di distanza e mi ha espulso… Scandaloso. Il rigore non c'era, ero lì, va bene che siamo a San Siro, ma non si può fischiare… Abbiamo perso e ora siamo ancora lì. Abbiamo fatto un'ottima partita contro una grande Inter, che è venuta fuori soprattutto nel secondo tempo. Ma se è vero che ci siamo abbassati, è vero anche che loro non hanno creato grossi pericoli. E anche noi abbiamo avuto due palle pericolose. La squadra ha comunque dimostrato di esserci. Dispiace semmai il modo in cui è maturata la sconfitta: se all'81l'arbitro non fischia porti a casa un punto, vai a 40 e sei a +6…”.
 

Pablo Gonzalez: “L'occasione che mi è capitata? Ho preso male la palla, mi è scivolata… Siamo molto dispiaciuti: torniamo a Siena a mani vuote, benché consapevoli dei nostri mezzi. Il rigore? Il fallo era già iniziato fuori dall'area… Non c'era, ecco il perché delle nostre proteste. L'arbitro ha sbagliato, ma non possiamo farci più niente. Dobbiamo solo pensare a tornare a fare punti e solo a noi stessi. Agli altri, Lecce compreso, non dobbiamo prestare attenzione”. (a.go.)

Fonte: Fedelissimo on line-Are