Da Marassi: Giuseppe Sannino

Giuseppe Sannino: “Nessuno immaginava di vedere certe scene dopo la tragedia di Morosini. Oggi è capitato qualcosa di inimmaginabile. Mi dispiace per i ragazzi del Genoa, che dimostrano in campo quanto tengono alla maglia. Il Siena ha fatto la sua partita pensando alla alla salvezza, ma solo fino all'interruzione: parto dal presupposto che si tratta di una partita di calcio. Una volta sospesa non lo è più. Non si può rientrare dopo tanti minuti, ma era giusto finirla. Al di là dell'incolumità delle persone in campo, è stata questa la cosa che più mi è dispiaciuta, non poter giocare. Mettiamoci una pietra sopra. Le voci intorno al Siena? Inutile negare che ci siano, a livello mediatico soprattutto. Sono situazioni poco belle, ma ho chiesto ai miei giocatori essere uomini, di scendere in campo per essere giudicati come professionisti; per tutto il resto ci sono organi predisposti a giudicare. A me interessa solo il gruppo, la squadra. Sul campo questi ragazzi straordinari hanno meritato la sopravvivenza in serie A. Se rimarrò bianconero? In questo momento sono sulla panchina del Siena, finiamo questa stagione, poi vediamo. Ho un altro anno di contratto che mi lega alla società, quando sarà il momento ne riparleremo. Ora penso solo a prendere la laurea. E dei complimenti non mi interesso, fateli ai ragazzi: se siamo dove siamo senza mai essere stati risucchiati in zona retrocessione, è merito loro, che hanno avuto la forza superare i momenti meno belli che ci sono stati e che possono capitare in un'annata con grande forza”. (a.go.)

Fonte: Fedelissimo on line-Sky