Crescenzi: Castellammare piazza calda, sarà importante l’approccio

E' arrivato in punta di piedi, con la speranza di ritagliarsi un po' di spazio. Non ha patito affatto la serie B, serie in cui si è affacciato per la prima volta e, sfruttando il vento a favore, Luca Crescenzi ha vestito tre maglie titolari su tre: il bilancio di questi primi mesi in bianconero, per il ventunenne difensore romano, non può che essere positivo. “Siena è una piazza importante e sinceramente anche leggendo i nomi dei compagni di reparto, non pensavo di essere protagonista fin da subito – spiega -. Ne sono contentissimo e ringrazio tutti gli uomini dello staff, dal primo all'ultimo, che mi stanno insegnando tanto e anche i ragazzi che mi stanno dando una grossa mano. Il mio merito quello di essermi fatto trovare pronto”. “La città è bellissima – ha poi aggiunto -, già lo conoscevo, ci sono stato da turista. L'ambiente mi piace, mi sono inserito subito e spero che tutto continui così”. Non vuol parlare però, Crescenzi, di gerarchie già stabilite. “Quelle le decide il campo e il lavoro settimanale – ribatte -. Gioca chi se lo merita. Il mercato ormai è finito e il mister adesso sa con chi lavorerà almeno fino a gennaio e anche noi avremo modo di conoscerci meglio”. Il difensore guarda allora alla prossima trasferta, in casa della Juve Stabia. “Sappiamo che a Castellammare troveremo un sintetico ancora più brutto di quello di Novara – dice Crescenzi -. L'atmosfera, trattandosi di una piazza del sud sarà caldissima, dovremo approcciarci alla gara in maniera diversa rispetto a Novara”. Soddisfatto, il difensore, lo è invece dell'approccio avuto contro il Bari: un bel successo per dimenticare subito la sconfitta del Piola. “Siamo contenti per i tre punti – chiude il bianconero -, siamo scesi in campo convinti e ci siamo portati sul 3-0. Nonostante i loro traversoni, abbiamo marcato bene. Purtroppo poi sono arrivate le due reti, ma basta riguardarle per vedere che sono due gol della domenica, due gran tiri da fuori area. E vanno presi per quello che sono. Per il resto non abbiamo subito più di tanto ed eravamo sempre ben messi in campo”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line