Corriere Fiorentino: Il Siena a tre punti dal ritorno tra i professionisti

Meno uno. A meno di 180' dal termine del campionato al Siena manca un solo successo, tre punti, per conquistare il ritorno tra i professionisti. La promozione in Lega Pro avrebbe il sapore del riscatto, dopo che i bianconeri sono stati costretti a ripartire dalla serie D in seguito al crac dello scorso anno. Un salto indietro frutto di una gestione scellerata da parte dell'ex dirigenza della Robur, con il presidente Massimo Mezzaroma in testa, sulla quale è tuttora in corso un'inchiesta da parte della magistratura senese. Toccato il fondo, il nuovo corso è ripartito da Antonio Ponte, già all'ombra della Torre del Mangia 16 anni fa in occasione della promozione in serie B, e dall'entusiasmo di una città che ha sostenuto la squadra con quasi 4 mila abbonamenti. Il percorso per arrivare ai cancelli della Lega Pro però è stato tutt'altro che semplice. Nonostante l'abbondanza di calciatori di ottimo livello (su tutti Vergassola, poco più che uno spettatore per via degli infortuni, e Portanova) e mezzi (per questa categoria), la squadra di Massimo Morgia (che domenica pomeriggio, squalificato, ha assistito alla partita con i tifosi bianconeri) ha balbettato parecchio. Le vicissitudini societarie, con il ritiro iniziato in ritardo, le variazioni di modulo e le inevitabili pressioni esterne hanno rallentato a più riprese la marcia bianconera, mantenendo vive le speranze di un Poggibonsi, che staccato di 4 punti, ancora oggi è in corsa per la promozione diretta. Con l'arrivo della primavera, però, il Siena ha cambiato passo, infilando ben 6 vittorie consecutive e registrando i meccanismi difensivi (l'anello debole). Non sempre esprimendo tutto il proprio potenziale, ma dimostrando finalmente di voler raggiungere l'obiettivo della promozione. Il primo match ball se ne è andato domenica scorsa a San Sepolcro, perché la vittoria di Titone e compagni è stata resa vana dal contemporaneo successo del Poggibonsi a Foligno. Tra meno di una settimana i bianconeri avranno un'altra chance, questa volta al Franchi contro il Gavorrano. E non dovranno sbagliare per evitare di andarsi a giocare il tutto per tutto in casa della Massese. Un ruolo determinante lo giocherà il pubblico che ha dimostrato sin da primi giorni un grande attaccamento alla squadra.

Aldo Tani

Fonte: Corriere della Sera/Firenze