CONTE: VOGLIAMO CENTRARE IL NOSTRO OBIETTIVO

 

Mister Antonio Conte, nella conferenza di preparazione alla sfida Novara-Siena, avverte sulle difficoltà che attendono i bianconeri. Per il tecnico l’incontro al Piola rappresenta per la Robur una “tappa di avvicinamento alla meta”. Non svela niente sulla formazione: “In settimana ho valutato molto attentamente i ragazzi e compirò le mie scelte in base a quello che ho visto”, ha detto, ma invita a pensare solo e soltanto al campo.
Che partita sarà Novara-Siena?
“Una partita molto combattuta, contro una squadra che rimane comunque protagonista della stagione. Gli azzurri sono stati sempre nelle prime posizioni, possono vantare un organico con giocatori, soprattutto davanti, di categoria superiore come Gonzalez, che l’anno prossimo infatti giocherà a Palermo, Bertani, Motta o lo stesso Rubino".
La sconfitta con il Portogruaro ha lasciato strascichi?
“Abbiamo rivisto la partita. La squadra, per 85 minuti, ha fatto quello che doveva fare, ha avuto pazienza e poi è riuscita a segnare. Poi il clima di festa ha contagiato un po’ tutti ed è successo quello che non doveva succedere. Dobbiamo voltare pagina: Novara rappresenta un passo di avvicinamento al nostro obiettivo. Non sarà semplice, la squadra di Tesser è difficile da affrontare. Dovremo fare attenzione. Ma vogliamo raggiungere il nostro traguardo e prima ci riusciamo meglio è".
Quanto conta, se conta, ciò che farà il Varese?
“Conta zero. Noi dobbiamo pensare solo a noi. A fare la nostra partita”.
Quanto influirà il fatto che giocherete su un campo sintetico?
“Non ci siamo abituati… La scelta di non allenarci in questi giorni sul sintetico è stata dettata dal rischio di far incappare i giocatori in problemi fisici, tipo tendiniti o male alle ginocchia. Non è che ti puoi adattare a un terreno non in erba in pochi giorni, serve del tempo”.
Giocare alle 12,30, invece?
“E’ un orario scomodo: ti svegli, fai pranzo e giochi. Nei giorni scorsi abbiamo cercato di prepararci allenandoci alle 12.30. Ma non siamo i primi e non saremo gli ultimi. D’altra parte ci sono delle esigenze televisive e noi non possiamo fare altro che adattarci”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line