Consiglio comunale, Pugliese risponde al”interrogazione di Valentini sullo stadio.

Nel consiglio comunale che si è tenuto ieri il consigliere Bruno Valentini con un'interrogazione ha affrontato il problema del degrado della gradinata De Luca dello stadio Franchi. Ed ha chiesto: “Verificare lo stato complessivo dell’impianto, specificando in particolare quale sia la situazione effettiva delle varie parti destinate ad accogliere le tifoserie locali e quelle ospiti, precisando per ciascuna componente quale sia lo stato e le relative scadenze dei permessi necessari: agibilità, controlli sismici, adeguatezza ad ospitare pubbliche manifestazioni e se sono previste e con quali tempi eventuali interventi di sistemazione e miglioramento dello stadio comunale, compresi l’impianto di illuminazione e il manto erboso, e se non si ritiene opportuno pianificare tempestivamente tali opere, sia per consentire una corretta accoglienza degli spettatori sia per evitare di rischiare che venga meno l’agibilità dell’impianto”.
All’interrogazione ha risposto l’assessore ai lavori pubblici, Sara Pugliese, spiegando: “Nel corso del sopralluogo del 3 novembre 2017 effettuato dalla commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, veniva confermata l’agibilità dell’impianto con alcune precisazioni sulla segnaletica di sicurezza per la Gradinata “De Luca“ e l’illuminazione dei sotto tribuna e ribadendo l’interdizione al pubblico dei box stampa e delle terrazze sovrastanti; mentre in riferimento alla idoneità statica delle strutture la commissione ritenne di poter considerare ancora valido il certificato precedentemente acquisito, datato 2014, in attesa delle nuove risultanze dello studio affidato veniva avviata dal Comune la procedura di affidamento dell’incarico professionale per la valutazione della vulnerabilità sismica e della sicurezza degli elementi strutturali e non strutturali della tribuna coperta e della gradinata dello stadio, e che le altre tribune, quelle metalliche, di più recente costruzione, sono adeguate alle norme sismiche e regolarmente collaudate. Sono stati effettuati rilievi geometrici e strutturali completi e una estesa campagna di indagini sui materiali, risultata complessa e economicamente onerosa, avendo a che fare con strutture esistenti progettate e realizzate nel passato e, in ogni caso, in epoche in cui la normativa italiana sulle costruzioni non prevedeva precauzioni antisismiche. Sia la tribuna sia la gradinata non presentano segni di dissesto statico, a parte alcuni distacchi superficiali del copriferro in calcestruzzo, facilmente ripristinabili. La direzione lavori pubblici ed il tecnico incaricato stanno analizzando le prime risultanze trasmesse a metà agosto 2019, in modo da poter programmare un ulteriore livello di approfondimento di indagine per un miglioramento ulteriore della conoscenza delle caratteristiche meccaniche dei materiali, per poi definire interventi di manutenzione specifici”.

L’assessore ha portato a conoscenza dei lavori fatti nel corso degli anni 2018 e 2019:
– Sono stati affidati dal servizio manutenzione immobili vari interventi di manutenzione straordinaria: lavori di riparazione dell’unità elettrica della torre faro
– Esecuzione di saggi e opere integrative per l’attività diagnostica funzionale alla valutazione della vulnerabilità sismica e della sicurezza degli elementi strutturali e non strutturali della tribuna coperta e della gradinata.
– Manutenzione su alcune perdite nelle tubazioni di adduzione dell’acqua calda sanitaria
– Lavori straordinari e verifica strutturale con sostituzione funi delle quattro torri faro
– Smontaggio e rimontaggio seggiolini danneggiati durante la partita Siena–Reggiana nel settore ospiti e risistemazione dei bagni nel settore ospiti.

Pugliese ha anche annunciato gli investimenti in programma:
– Ripristino dell’impianto di irrigazione, con collegamento alla rete dei bottini comunali, per 40mila euro + Iva.
– Ripristino superficiale del copriferro in calcestruzzo della gradinata scoperta, per 25mila euro + Iva
 

“Gli interventi che, invece, risulteranno indispensabili dopo l’esito dell’indagine strutturale in corso saranno ovviamente inseriti della programmazione dell’Ente, con opportuno grado di priorità”.

Valentini: “Sono parzialmente soddisfatto perché la risposta è risultata dettagliata nella parte relativa agli impegni e nel work in progress dell’analisi dello stadio considerando le difficoltà nel reperimento di materiale e informazioni su strutture costruite in anni passati ma siamo davanti a una situazione non rassicurante. Raccomando pertanto che si completino i lavori di indagine con professioni esterni per interventi necessari che devono essere pianificati in tempo, evitando situazioni che comportino una mancata disponibilità dello stadio stesso”.

Fonte: Fol